Gente Veneta

Abbonamento a feed Gente Veneta Gente Veneta
Aggiornato: 2 ore 2 min fa

Il Patriarca di Gerusalemme Pizzaballa incontra a Borca i vescovi del Triveneto

Lun, 13/09/2021 - 17:00

I Vescovi della Conferenza Episcopale Triveneto – riuniti per una “due giorni” a Borca di Cadore (Belluno) presso la struttura della Diocesi di Padova “Park Hotel Des Dolomites” – hanno incontrato nel primo pomeriggio di oggi il Patriarca di Gerusalemme dei Latini Pierbattista Pizzaballa, presente in queste ore in Veneto ed accompagnato dal suo già Vescovo ausiliare mons. Giacinto Marcuzzo.

Il Patriarca Pizzaballa, il Vescovo Marcuzzo e i Vescovi del Triveneto hanno inizialmente pregato insieme, recitando l’Ora Media, ed hanno proseguito l’incontro condividendo in particolare la situazione attuale dei cristiani, delle comunità ecclesiali e dei popoli che vivono in Terra Santa – anche, però, con un richiamo alla realtà culturale e religiosa dell’Italia e dell’Europa, nel contesto del cammino sinodale in atto – e poi approfondendo il legame e le relazioni esistenti tra le Chiese di queste regioni e la storica Chiesa “madre” di Gerusalemme.

I Vescovi del Triveneto continueranno a Borca di Cadore il loro incontro nella giornata di domani (martedì 14 settembre 2021) con la prevista ed ufficiale riunione di questa Conferenza episcopale regionale.

The post Il Patriarca di Gerusalemme Pizzaballa incontra a Borca i vescovi del Triveneto first appeared on Gente Veneta.

Categorie: Notizie

Premio della bontà 2021: le storie di chi si è distinto per la sua generosità verso il prossimo

Dom, 12/09/2021 - 12:12

Anche quest’anno il Premio internazionale della bontà, giunto alla sua 21esima edizione, ha conferito un riconoscimento a chi si è distinto in gesti generosi verso il prossimo. Realizzato dall’associazione “Comitato della croce”, presieduta da Fiorenzo Tommasi, in collaborazione con Fervicredo e Fsp Polizia di Stato, l’evento si è svolto ieri mattina nella chiesa degli Scalzi. Il tutto nel ricordo di chi nell’attentato delle Torri Gemelle dell’11 settembre di vent’anni fa perse la vita.

Il cosiddetto premio speciale è stato conferito a Marisa Manzini e a mons. Giancarlo Maria Bregantini. Ex sostituto procuratore di Catanzaro e attuale procuratore aggiunto di Cosenza, oggi sotto scorta, Manzini fa parte del dipartimento della Pontificia accademia mariana internazionale ed è stata più volte minacciata dalle cosche del vibonese per le inchieste contro la ‘ndrangheta. Dal 2007 arcivescovo metropolita di Campobasso-Boiano, anche mons. Bregantini è noto per la sua battaglia contro la criminalità organizzata. Nel corso della mattinata è seguita la consegna del Premio bontà, quest’anno andato a Gian Piero, per tutti “Wuè”, a Cherif Karamoko e a Remo Baldoni. Se il primo, clochard di Viareggio, si è distinto per la sua raccolta quotidiana di monetine che trova per strada, convertite poi in generi di prima necessità per senzatetto e famiglie in difficoltà, il secondo ha una storia tragica alle spalle. In fuga dalla guerra civile in Guinea, raggiunge il Veneto dopo un naufragio nel Mediterraneo in cui perde la vita il fratello, pronto a cedergli il proprio giubbotto di salvataggio pur di consentirgli di esaudire il suo sogno: diventare un calciatore (l’esordio è avvenuto poi con la maglia del Padova nel 2019). E infine Baldoni, presidente dell’associazione “Servizio di strada”, premiato per aver continuato a garantire il proprio aiuto ai più poveri anche nel periodo pandemico più difficile.

Fra gli ospiti, don Luigi Merola e don Antonio Coluccia, entrambi sotto scorta per essere stati più volte minacciati dalla criminalità organizzata, contro la quale lottano ogni giorno con la forza del Vangelo. «Le persone qui oggi (ieri ndr) – le parole di don Coluccia – credono nei valori della vita, del territorio, e lo difendono». «Noi preti dobbiamo tornare ad aprire gli oratori e le chiese fino a sera, – ha dichiarato don Merola – per togliere così “manovalanza” alla camorra: la mafia si combatte solo dando lavoro».

(M.G.)

The post Premio della bontà 2021: le storie di chi si è distinto per la sua generosità verso il prossimo first appeared on Gente Veneta.

Categorie: Notizie

Mestre: oggi la prima assemblea vicariale

Sab, 11/09/2021 - 19:53

È stata la prima assemblea del nuovo Vicariato di Mestre, proposta dal vicario foraneo, don Natalino Bonazza, insieme agli altri presbiteri, a cui ha preso parte anche il Vicario episcopale per il Coordinamento della Pastorale mons. Daniele Memo.

Ogni parrocchia era invitata con i suoi preti e diaconi e due delegati laici ciascuna. Ritrovo nella palestra dell’istituto salesiano San Marco, alla Gazzera, dalle 9 alle 12 di sabato 11 settembre. A fare da lancio è stata l’intervista di Maria Paola Scaramuzza, collaboratrice di Gente Veneta, a tre esponenti qualificati del territorio. Per il pof. Ezio Micelli, dell’università IUAV, si è perso il riferimento a un centro preciso; mentre abbiamo riscoperto la dimensione dell’abitare. Per Gabriele Bolzan, consigliere municipale di Carpenedo, Mestre è una città di quartieri con un desiderio di comunità. Secondo don Fabiano Longoni, già direttore dell’ufficio Cei per i problemi sociali e il lavoro, oggi le parrocchie più che territoriali sono esistenziali; si deve salire su un treno in corsa, senza aver paura del mondo, ma aprendosi a esso per servirlo.

I lavori sono proseguiti in dieci gruppi di circa otto persone per tavolo, su cinque temi particolari individuati a maggioranza dagli stessi partecipanti all’interno di altrettanti ambiti più generali: generare alla fede, essere Chiesa in una città che cambia, il rapporto con i poveri, la missionarietà e una città di fratelli. Ognuno ha partecipato a due tavoli diversi, con la tecnica del world cafè. Per ogni tavolo un moderatore garantiva fluidità, pertinenza e concretezza degli interventi.

I contributi riassunti saranno presto a disposizione di ogni parrocchia del Vicariato. 

Giovanni Carnio

The post Mestre: oggi la prima assemblea vicariale first appeared on Gente Veneta.

Categorie: Notizie

Inizia la scuola: ecco come cambiano gli orari Actv

Ven, 10/09/2021 - 13:54

AVM/Actv informa che, da inizio servizi di lunedì 13 settembre, in occasione dell’avvio dell’anno scolastico 2021/2022, i servizi di trasporto pubblico vengono modificati così come definito di seguito

SERVIZI DI NAVIGAZIONE
· Linea 1 – vengono attivate le corse (con valenza feriale lun-sab scolastica) da Lido SME a Sant’Angelo alle ore 07:27 (ferma a San Samuele anziché a Ca’ Rezzonico) e da Lido SME a San Zaccaria alle ore 07:38, 07:50, 08:14, 08:26, 08:50 e 09:02 | da San Zaccaria a Lido SME alle ore 13:04, 13:16, 13:40, 13:52, 14:16 e 14:28
· Linea 2 – vengono attivate le corse (con valenza feriale lun-sab scolastica) da Giudecca Palanca B a Zattere dalle ore 07:19 alle ore 09:19 ai minuti 07, 19, 31, 43 e 55 e dalle ore 12:39 alle ore 14:39 ai minuti 03, 15, 27, 39 e 51 | da Zattere B a Giudecca Palanca dalle ore 07:24 alle ore 09:12 ai minuti 00, 12, 24, 36 e 48 e dalle ore 12:34 alle ore 14:34 ai minuti 10, 22, 34, 46 e 58
· Linea 2/ – viene effettuato il servizio tutti i giorni da P.le Roma a Ferrovia e Rialto con corse dalle ore 07:11 alle ore 19:41 ai minuti 11, 21, 31, 41 e 51 e dalle ore 20:01 alle ore 23:41 ai minuti 01, 21 e 41 | da Rialto a Ferrovia e P.le Roma dalle ore 07:32 alle ore 20:02 ai minuti 02, 12, 22, 32, 42 e 52 e dalle ore 20:22 alle ore 00:02 ai minuti 02, 22 e 42
· Linee 5.1/5.2 – vengono attivate le corse feriali scolastiche da Lido S.M.E. “A” a F.te Nove dalle ore 7.10 alle 9.30 e dalle ore 13.10 alle 14.50 ai minuti 10-30-50 e da F.te Nove “D” a Lido S.M.E. dalle ore 7.38 alle 9.18 ai minuti 18-38-58 e dalle ore 12.40 alle 14.40 ai minuti 0-20-40.
· Linea 6 – viene effettuato il servizio per fasce orarie nelle giornate feriali da P.le Roma B per Lido SME corse dalle ore 06:21 alle ore 08:41 e dalle ore 12:21 alle ore 19:21 ai minuti 01, 21 e 41 | da Lido SME B per P.le Roma corse dalle ore 06:42 alle ore 09:02 e dalle ore 12:22 alle ore 20:02 ai minuti 02, 22 e 42 | nelle giornate festive da P.le Roma B per Lido SME corse dalle ore 08:41 alle ore 19:21 ai minuti 01, 21 e 41 | da Lido SME B per P.le Roma corse dalle ore 09:22 alle ore 2:.02 ai minuti 02, 22 e 42
· Linea 10 – viene attivato il servizio (con valenza feriale lun-sab scolastica) con corse in partenza da Lido SME E a Zattere alle ore 07:13, 07:33, 07:53, 08:13, 13:05, 13:25, 13:45 e 14:05 | da Lido SME a San Marco Giardinetti alle ore 08:33 e 08:53 | da Giardini a Zattere alle ore 07:20, 07:40, 08:00 e 08:20 | da Giardini a San Marco Giardinetti alle ore 08:40 e 09:00 | da San Marco Giardinetti a Zattere alle ore 07:27, 07:47, 08:07 e 08:27 | da Zattere B a Lido SME alle ore 07:34, 07:54, 08:14, 08:34, 12:44, 13:04, 13:24, 13:44, 14:04 e 14:24
· Linea 15 – vengono attivate le corse (con valenza feriale lun-sab) da San Zaccaria a P.ta Sabbioni alle ore 13:14, 17:44 e 18:44 | da P.ta Sabbioni a San Zaccaria A alle ore 06:29, 06:59, 07:29, 07:59 e 17:55
· Vengono conseguentemente sospesi i rinforzi cosiddetti “balneari” di linea 1, 5.1/5.2, 8 e 18, le corse di linea 7 da San Zaccaria per Murano delle ore 10:14, 13:14, 13:44 e 16:14, le corse aggiuntive programmate per limiti capienza COVID-19, le corse di linea 16 da Fusina a Zattere delle ore 21:00 e da Zattere a Fusina delle ore 21:30

SERVIZI AUTOMOBILISTICI LIDO
Vengono modificati i percorsi delle linee A, C e V, vengono sospese le linee circolari oraria e antioraria (CO/CA) e viene riattivata la linea B
ALERT: da lunedì 13 a martedì 21 settembre 2021, per lavori propedeutici al ripristino della regolare viabilità fronte Palazzo del Cinema al Lido, viene modificato il percorso delle linee V e 11

SERVIZI TRANVIARI
Invariati

SERVIZI AUTOMOBILISTICI URBANI
· Linea 2 – vengono istituite nuove corse (con valenza feriale lun-ven) alle ore 06:54, 07:06 e 07:18 da Viale Don Sturzo a Venezia – P.le Roma
· Linea 5 – viene rimodulato il servizio con corse in partenza (con valenza feriale lun-sab) da Venezia – P.le Roma a Aeroporto Marco Polo alle ore 04:35, 05:40, 06:10 e 06:40, dalle ore 07:10 alle ore 08:25 ai minuti 10, 25, 40 e 55, dalle ore 08:42 alle ore 20:42 ai minuti 02, 22 e 42 e dalle ore 21:12 alle ore 00:42 ai minuti 12 e 42 | da Aeroporto Marco Polo a Venezia alle ore 04:08, 05:10, 05:40, 06:10 e 06:40 | dalle ore 06:55 alle ore 08:55 ai minuti 10, 25, 40 e 55, dalle ore 09:12 alle ore 20:52 ai minuti 12, 32 e 52 e dalle ore 21:12 alle ore 01:12 ai minuti 12 e 42 | nei festivi corse in partenza da Venezia – P.le Roma per Aeroporto Marco Polo dalle ore 05:40 alle ore 00:40 ai minuti 10 e 40 | da Aeroporto Marco Polo a Venezia prima corsa alle ore 04:08, successivamente dalle ore 05:10 alle ore 01:10 ai minuti 10 e 40
· Linea 7 – viene istituita una nuova corsa (con valenza feriale lun-ven) alle ore 06:50 da Spinea – Via Martiri a Venezia – P.le Roma
· Linea 16 – vengono istituite nuove corse (con valenza feriale lun-sab) alle ore 13:45 e 14:40 da Rizzardi a Fusina | vengono sospese le corse delle ore 14:00, 15:00, 22:00 e 2:.00 da Rizzardi a Fusina e le corse delle ore 22:30 e 23:30 da Fusina a Rizzardi
· Linea 24 – viene istituita una nuova corsa (con valenza feriale lun-sab) alle ore 07:30 da Istituto Gritti a Venezia – P.le Roma

SERVIZI AUTOMOBILISTICI EXTRAURBANI
· Linea 3E – vengono istituita due nuove corse (con valenza feriale lun-sab) alle ore 14:35 da Mirano a Borgoricco e alle ore 15:10 da Borgoricco a Mirano | le corse (con valenza feriale lun-sab) delle ore 06:35, 06:53 e 14:20 (escluso il sabato) da Mirano a Borgoricco vengono prolungate a San Michele delle Badesse | le corse (con valenza feriale lun-sab) delle ore 07:15 e 14:45 da Borgoricco a Mirano vengono sospese
· Linea 6E – viene istituita una nuova corsa (con valenza feriale lun-sab) alle ore 13:32 da Mestre Centro a Scorzè
· Linea 8E – vengono istituite nuove corse (con valenza feriale lun-sab) alle ore 12:15 e 13:40 da Preganziol a Mestre Centro | alle ore 14.15 da Treviso a Mogliano Veneto | alle ore 12:00 da Mogliano Veneto a Stazione Ferroviaria di Preganziol | alle ore 12:55 da Mestre Centro a Treviso
· Linea 12E – la corsa (con valenza feriale lun-sab) delle ore 12:55 da Scorzè a Mogliano Veneto viene posticipata alle ore 13:05
· Linea 17E – viene istituita una nuova corsa (con valenza feriale lun-sab) alle ore 14:20 da Mirano a Caltana | la corsa (con valenza feriale lun-ven) delle ore 13:37 da Caltana a Mirano viene sospesa | la corsa (con valenza feriale lun-sab) delle ore 07:20 da Mirano a Caltana viene sospesa
· Linea 53E – la corsa delle ore 07:35 da Dolo a Padova viene sospesa
· Linea 54E – viene istituita una nuova corsa il sabato alle ore 06:20 da Fossò a Dolo
· Linea 55E – vengono istituite nuove corse (con valenza feriale lun-sab) alle ore 06:45 da Dolo a Vigonovo, alle ore 07:15 da Vigonovo a Dolo, alle ore 18:50 da Celeseo a Dolo | vengono sospese le corse alle ore 05:10 da Calcroci a Vigonovo, alle ore 05:50 da Dolo a Celeseo, alle ore 06:35 da Dolo a Stra, alle ore 11.35 da Dolo per Fossò, alle ore 14:30 da Dolo a Stra, alle ore 07:15 da Stra a Dolo e alle ore 15.50 da Celeseo a Dolo
· Linea 55SE – viene istituita una nuova corsa (con valenza feriale lun-sab) alle ore 17:12 da Dolo a Stra
· Linea 56E – la corsa (con valenza feriale lun-sab) delle ore 16:40 da Dolo a Mira Lanza viene posticipa alle ore 16:45
· Linea 57E – la corsa delle ore 06:35 da Caltana a Mestre Centro – Piazza XXVII Ottobre viene sospesa
· Linea 58E – vengono istituite nuove corse (con valenza feriale lun-sab) alle ore 06:50 da Adria a Cavarzere, alle ore 13:17 da Piove di Sacco a Stra, alle ore 14:04 da Stazione Ferroviaria di Adria a Cavarzere, alle ore 14:20 da Cavarzere Centro a Stazione Ferroviaria di Cavarzere (al sabato la corsa viene effettuata alle ore 14:25), alle ore 14:52 da Cavarzere Centro per Stazione Ferroviaria di Cavarzere (non viene effettuata al sabato), alle ore 15:38 da Adria a Cavarzere (solo al sabato), alle ore 16:00 da Cavarzere Centro per Stazione Ferroviaria di Cavarzere, alle ore 18:20 da Cavarzere Centro per Stazione Ferroviaria di Cavarzere (solo al sabato), alle ore 07:20 da Stazione Ferroviaria di Cavarzere a Cavarzere Centro, alle ore 10:37 da Stazione Ferroviaria di Cavarzere a Cavarzere Centro (al sabato la corsa non viene effettuata), alle ore 12:05 da Cavarzere a Adria, alle ore 12:40 da Cavarzere a Adria (non viene effettuata al sabato) | vengono sospese le corse alle ore 05:42 da Fossò a Dolo, alle ore 06:50 da Stazione Ferroviaria di Adria a Dolo, alle ore 09:00 da Stazione Ferroviaria di Adria a Dolo, alle ore 13:02 da Cavarzere Centro a Stazione Ferroviaria di Cavarzere, alle ore 13:50 da Piove di Sacco a Dolo, alle ore 08:15 d Dolo a Cavarzere, alle ore 13:57 da Stazione Ferroviaria di Cavarzere a Cavarzere Centro | la corsa alle ore 11:10 da Cavarzere Centro per Stazione Ferroviaria di Cavarzere viene anticipata alle ore 11:05, la corsa alle ore 12:45 da Piove di Sacco a Dolo viene anticipata alle ore 12:35, la corsa alle ore 13:50 da Adria a Dolo viene posticipata alle ore 13:55, la corsa delle ore 14:10 da Stazione Ferroviaria di Adria a Cavarzere viene anticipata alle ore 14:05, la corsa alle ore 10:47 da Stazione Ferroviaria di Cavarzere a Cavarzere Centro viene anticipata alle ore 10:37, la corsa alle ore 12:10 da Dolo a Piove di Sacco viene posticipata alle ore 12:20 e la corsa alle ore 13:19 da Stazione Ferroviaria di Cavarzere a Cavarzere viene anticipata alle ore 13:12
· Linea 59E – vengono istituite nuove corse (con valenza feriale lun-sab) alle ore 12:25 da Dolo a Mirano, alle ore 13:35 da Dolo a Mirano (non viene effettuata al sabato), alle ore 15:05 da Mirano a Dolo e alle ore 17:40 da Mirano a Dolo (al sabato la corsa non viene effettuata)
· Linea 66E – vengono istituite nuove corse (con valenza feriale lun-sab) alle ore 12:45 da Dolo a Mellaredo e alle ore 13:05 da Mellaredo a Dolo | la corsa alle ore 14:18 da Dolo a Mellaredo viene posticipata alle ore 14:23 | la corsa alle ore 06:05 da Dolo a Mellaredo viene sospesa
· Linea 67E – vengono istituite nuove corse (con valenza feriale lun-ven) alle ore 06:40 da Dolo a Bojon, alle ore 14:50 da Dolo a Piove di Sacco, alle ore 15:10 da Dolo a Piove di Sacco (viene effettuata anche al sabato), alle ore 07:10 da Bojon a Padova | la corsa alle ore 13:20 da Dolo a Bojon viene anticipata alle ore 13:05, la corsa alle ore 14:25 da Dolo a Piove di Sacco viene anticipata alle ore 14:15, la corsa alle ore 13:45 da Bojon a Dolo viene posticipata alle ore 13:55, la corsa alle ore 14:00 da Piove di Sacco a Dolo viene posticipata alle ore 14:05
· Linea 67RE – vengono istituite nuove corse (con valenza feriale lun-ven) alle ore 12:10 da Piove di Sacco a Venezia – P.le Roma e alle ore 08:25 da Venezia a Piove di Sacco (viene effettuata anche al sabato) | vengono sospese le corse alle ore 06:25 da Venezia – P.le Roma a Bojon, alle ore 07:10 da Venezia – P.le Roma a Piove di Sacco e alle ore 07:30 da Venezia – P.le Roma a Piove di Sacco
· Linea 81E – vengono istituite nuove corse (con valenza feriale lun-sab) alle ore 08:11 da Stazione Ferroviaria di Adria a Sottomarina, alle ore 14:15 da Cavarzere a Sottomarina e alle ore 13:05 da Sottomarina a Cavarzere (non viene effettuata al sabato)

CORSE A SUPPORTO DEL SERVIZIO DI LINEA CON ORIGINE O DESTINAZIONE GLI ISTITUTI SECONDARI SUPERIORI DEL TERRITORIO
Un’offerta imponente quella messa in campo da AVM/Actv per il trasporto in sicurezza dei circa 13 mila studenti dei plessi scolastici di Mestre, Dolo, Mirano, Noale, Adria, Mogliano Veneto, Piove di Sacco e Padova, con oltre 620 corse al giorno, di cui 330 fornite direttamente dal vettore a supporto del normale servizio di linea con origine e destinazione gli Istituti Scolastici del territorio e 220 corse dei vettori privati, come da indicazioni del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile. A queste si aggiungono le quasi 70 corse di linea che, lungo il normale percorso, transitano per le scuole di interesse. Tutte le corse sono a libero accesso da parte della clientela dotata di regolare titolo di viaggio (non solo studenti), andando così ad arricchire il servizio automobilistico e tranviario urbano e extraurbano del territorio metropolitano, di cui rappresentano oltre il 10%. I plessi saranno presidiati da 30 steward che si occuperanno di verificare la corretta fruizione delle corse – in particolare quelle effettuate con due o tre bus consecutivi, coerentemente con il dimensionamento della domanda rispetto alle percorrenze – e dare le corrette informazioni agli studenti. Sono anche programmati numerosi interventi da parte del personale di verifica e controllo per la regolarità dei titoli di viaggio a bordo e la sicurezza del trasporto. Pubblicati on line sul sito www.actv.it alla sezione orari e percorsi (http://actv.avmspa.it/it/content/corse-istituti-scolastici), le tabelle orarie delle corse da e per gli Istituti secondari superiori (servizio automobilistico urbano ed extraurbano).

SERVIZI AUTOMOBILISTICI CHIOGGIA
· Per le linee 3, 4, 5, 6 e 7 vengono ripristinati i percorsi invernali

Maggiori informazioni on line sui siti web aziendali www.actv.it e www.avmspa.it, sui canali social istituzionali @muoverivenezia e tramite il Contact Center DiMe 041 041

The post Inizia la scuola: ecco come cambiano gli orari Actv first appeared on Gente Veneta.

Categorie: Notizie

Una casa dell’arte e della follia a Torcello

Gio, 09/09/2021 - 11:00

Novità a Torcello. Da giovedì a domenica l’isola ospiterà il Festival “Gondola dei Folli”, promosso dalla Fondazione Emilia Bosis, che ha sede a Bergamo e si occupa di cura delle persone che soffrono di patologie mentali. Non solo: la Fondazione, nata nel 1998, ha di recente acquistato un immobile proprio a Torcello che trasformerà in Domus Emilia, uno spazio dove ospitare gli utenti con le loro famiglie, dove allestire mostre d’arte, promuovere laboratori, simposi e summer schools sul tema del disagio psichico. Uno spazio che si relazionerà con il territorio veneziano e con le sue numerose realtà sociali. A partire, appunto, dal Festival “Gondola dei Folli”, che prende il via giovedì (con sede nel giardino del ristorante Villa 600) e che prevede una serie di conferenze e spettacoli. Nel corso del Festival sarà possibile visitare una mostra d’arte con opere di Emilia Bosis, Rocco Forgione e Giorgio Vicentini. Questi due artisti, inoltre, saranno presenti in isola per condurre alcuni laboratori artistici. Gli eventi sono gratuiti ed è possibile partecipare prenotando sul sito www.fondazionebosis.it dove si trova anche il programma dettagliato del Festival.

Con Venezia un rapporto consolidato. Il rapporto della Fondazione bergamasca con la città di Venezia si è consolidato negli anni, non solo per la partecipazione di alcune sue opere d’arte alla Biennale, ma anche per una serie di collaborazioni con la Scuola Navale Morosini, con la Caritas diocesana e con il carcere femminile della Giudecca. Ora il nuovo importante passo, con l’approdo all’isola di Torcello. L’immobile acquistato sarà ristrutturato e ampliato (si prevede di ottenere 100 metri cubi in più), per avere uno spazio attrezzato a foresteria per gli ospiti e per ospitare le varie attività. Anche il giardino esterno sarà sistemato:qui troverà sede l’istallazione artistica di Giorgio Vicentini che avrà la funzione di ospitare al suo interno laboratori sperimentali per pazienti psichiatrici, ma anche – spiegano alla Fondazione – «tutte le persone che avvertiranno l’urgenza di sperimentarsi nelle discipline artistiche e comportamentali. La caratteristica peculiare dell’intera operazione sarà quella di sviluppare, durante l’anno, terapia innovativa e cultura, cercando di valorizzare e rivitalizzare l’isola di Torcello». Si prevede infatti che gli ospiti della Fondazione e della rete sociale veneziana potranno usufruire della Domus come casa vacanza, con possibilità di attività sportive, in particolare canoa e voga alla veneta avendo a disposizione degli attracchi dedicati. Saranno poi sviluppati progetti artistici e teatrali attraverso la formula dei laboratori da tenersi in collaborazione anche con artisti e artigiani del territorio oltre che di fama nazionale e internazionale. Inoltre saranno sviluppati eventi temporanei in collaborazione con la Biennale, con la possibilità di aprire un polo culturale e museale, grazie anche alla possibilità per gli artisti internazionali di frequentare gli atelier a Torcello.
Serena Spinazzi Lucchesi

The post Una casa dell’arte e della follia a Torcello first appeared on Gente Veneta.

Categorie: Notizie

Ospedale dell’Angelo a Mestre: si riaccendono i televisori nelle stanze, spenti dall’inizio della crisi Covid

Mar, 07/09/2021 - 14:53

Erano stati spenti dal Covid-19: i televisori nelle stanze di degenza dell’Angelo, che si riaccendono nei prossimi giorni, sono infatti rimasti muti dalla primavera del 2020 quando, sotto l’urto della prima ondata epidemica, la ditta che gestiva il servizio ha lasciato l’Ospedale. In quel periodo, le stringenti misure di sicurezza hanno investito gli Ospedali, alcune delle attività commerciali al piano terra dell’Angelo hanno avuto difficoltà, e tra queste la ditta che “affittava” i telecomandi: decisivo, al riguardo, il lungo periodo di sospensione dei ricoveri non urgenti, che ha ridotto il numero dei degenti.

Da allora, mentre l’Ulss 3 Serenissima avviava la gara necessaria ad individuare, secondo le norme, un nuovo gestore, si percorrevano alcune altre vie per provare a garantire il servizio ai degenti; ma anche l’edicola, che per un periodo si era prestata come punto di riferimento per il servizio, era stata messa in difficoltà dalle conseguenze delle restrizioni agli accessi per Covid, tanto da dover chiudere.

“Ora i televisori delle stanze si riaccendono – spiega il Direttore Amministrativo dell’Ospedale, Luca Del Ninno – e i pazienti che intendono acquistare il servizio di tv in camera hanno a disposizione televisori nuovi. Tutti i terminali sono stati infatti sostituiti, così come tutto l’impianto è stato rinnovato e adeguato alle più recenti tecnologie: è l’esito del bando, e dell’impegno assunto dalla Ditta che si è aggiudicato il servizio. Il nuovo concessionario affitterà il televisore al prezzo di 3,50 euro al giorno, prezzo fissato dal bando e invariato rispetto al passato”.

Sono 440 i televisori nuovi installati per l’occasione nell’Ospedale; raggiungono anche l’area della Day Surgery, che in precedenza non era servita. Nuovi tutti i cavi antenna e i cavi di distribuzione del segnale; nuova la centrale di distribuzione del segnale, che da qui in poi arriverà in stereo sugli auricolari dei degenti che sceglieranno di attivare il loro televisore.
E’ più semplice per gli utenti accedere al servizio: al piano terra dell’Ospedale, nell’area dell’Info Point giallo, vengono installati in questi giorni i “totem” dedicati dai quali ogni utente potrà attivare il servizio – che si attiva anche tramite cellulare, chiamando il call center e tramite sito web dedicato – ed eventualmente prelevare gli auricolari.
E più fortunati degli altri saranno i pazienti che si trovano ricoverati nei prossimi giorni: da venerdì 10 settembre è infatti previsto un breve periodo di sperimentazione durante il quale tutti i televisori dell’Angelo funzioneranno senza oneri per i degenti; dal 20 settembre il servizio viene attivato con le modalità definitive.

“Anche se marginale, anche questo è un segnale dello sforzo con cui – sottolinea il Direttore Generale Edgardo Contato – le strutture sanitarie, anche quelle dell’Ulss 3 Serenissima, ritornano alla normalità. Va inteso come un auspicio, un indicatore, che va affiancato alla ripresa a pieno regime delle visite, dell’attività ambulatoriale specialistica, dei ricoveri e degli interventi non urgenti, e in sostanza a tutta quella attività che il Covid-19 a lungo ha pesantemente rallentato”.

The post Ospedale dell’Angelo a Mestre: si riaccendono i televisori nelle stanze, spenti dall’inizio della crisi Covid first appeared on Gente Veneta.

Categorie: Notizie

In tanti a buttare la vecchia tivù e a caccia del bonus da 100 euro: Veritas: «Fate prima a portare le tivù in negozio»

Lun, 06/09/2021 - 10:09

Tutti a buttare il vecchio televisore e in caccia del bonus da 100 euro per comprarne uno nuovo.

Lo segnala Veritas: in questi giorni, infatti, negli Ecocentri e negli Ecomobili di Veritas c’è un grande afflusso di persone che intende smaltire televisori acquistati prima del 22/12/2018, quindi non compatibili con i nuovi standard di trasmissione del digitale terrestre DVB-T2 HEVC Main10, che saranno in uso dal 2022.

Veritas ricorda che per ottenere la vidimazione del modulo necessario all’ottenimento del bonus tv è obbligatorio presentarsi in Ecocentro o Ecomobile con lo stampato già compilato in tutte le sue parti.

Gli operatori di Veritas, infatti, sono autorizzati esclusivamente a timbrare e firmare moduli già completi in tutte le loro parti.

Veritas ricorda inoltre che il bonus tv può essere ugualmente ottenuto anche consegnando il televisore da sostituire al negoziante presso il quale si acquista quello nuovo.

Anzi, portare l’apparecchio direttamente in negozio (la struttura è obbligata a ritirarla, in base al Decreto del ministro dello Sviluppo economico) consente un risparmio di tempo, perché evita l’inutile passaggio attraverso l’Ecocentro o Ecomobile.

The post In tanti a buttare la vecchia tivù e a caccia del bonus da 100 euro: Veritas: «Fate prima a portare le tivù in negozio» first appeared on Gente Veneta.

Categorie: Notizie

Veneto primo in Italia per ristrutturazioni con Superbonus: ma per le case singole, non per i condomini

Ven, 03/09/2021 - 16:04

Veneto superstar per il Superbonus 110%, ma solamente per quanto riguarda le abitazioni singole, non per i condomini.

Lo mostra il rapporto reso noto giovedì 2 settembre dal Governo, che fa il punto su come sta andando la super-agevolazione fiscale che ripaga del 110% gli interventi che portano a un significativo miglioramento dell’efficienza energetica delle abitazioni.

A tredici mesi dalla sua entrata in vigore, la norma ha consentito, in tutto il Paese, di avviare migliaia di cantieri. Al 31 agosto scorso erano 37.128 quelli per i quali sono già state presentate le asseverazioni, cioè i documenti stilati dal progettista o dal direttore lavori che comprendono, tra l’altro, le fatture già saldate e il calcolo degli investimenti fatti e dei soldi recuperabili tramite la dichiarazione dei redditi, lo sconto in fattura o la cessione del credito.

Il Veneto, con 4628 asseverazioni depositate, è la prima regione in Italia in rapporto al numero dei suoi abitanti.

La prima in termini assoluti è la Lombardia, con 5116 asseverazioni, ma con una popolazione doppia rispetto al Veneto.

La grandissima parte riguarda però abitazioni singole o unità funzionalmente indipendenti (per esempio porzioni di bifamiliare o trifamiliare…). Decisamente più basso è il numero dei condomini (305), rispetto a cui il Veneto è solo all’ottavo posto nella classifica italiana. D’altro canto, in Veneto il patrimonio immobiliare è largamente costituito da case singole e i quartieri di condomini, anche nelle città, non sono enormi.

Complessivamente, ad ogni modo, gli investimenti ammessi a detrazione, nella regione, sono stati finora di 558 milioni di euro, e quelli detraibili per lavori già realizzati e terminati 413 milioni.

Giorgio Malavasi

The post Veneto primo in Italia per ristrutturazioni con Superbonus: ma per le case singole, non per i condomini first appeared on Gente Veneta.

Categorie: Notizie

Artigiani Cna di Venezia: Giancarlo Burigatto confermato presidente

Ven, 03/09/2021 - 13:55

Giancarlo Burigatto, imprenditore di Concordia Sagittaria, guiderà la CNA veneziana anche per i prossimi quattro anni. L’Assemblea congressuale dell’Associazione, svoltasi giovedì sera, lo ha infatti confermato per un secondo mandato nella carica di presidente metropolitano.

Titolare di un’azienda che realizza pavimenti e rivestimenti, Burigatto ha guidato a lungo in passato la CNA portogruarese, e da anni presiede la Fiera di Santo Stefano di Concordia.

A supportarlo. una Presidenza che risulta composta da Massimo Doglioni, grafico pubblicitario di Mestre, Ugo Frasson, titolare di una falegnameria a Mirano, Roberto Scabbio, carrozziere di Scorzè, Raffaella Canziani (creatrice di maschere e monili, Mestre), Roberto Patrizio, pavimentista di Venezia e Daniele Scarpa, imprenditore del settore del trasporto acqueo legato al turismo a Chioggia. Presidente metropolitano onorario, un dirigente storico dell’Associazione come il miranese Armando Bugin, titolare di un’officina meccatronica.

Le opportunità, insieme ai piccoli segnali di ripresa che vengono dai dati degli ultimi mesi – ha tenuto a far presente il segretario metropolitano Renato Fabbro, devono comunque fare i conti con ostacoli non semplici da superare, come quello del ricambio generazionale, vera spina nel fianco della Pmi nella nostra provincia. La relazione di Fabbro si è poi più specificamente soffermata a fare il punto sullo stato di salute della CNA veneziana: un’organizzazione che attualmente «con le sue dieci sedi sul territorio (due nuovi recapiti sono stati aperti in tempi recenti a Caorle e a Burano) sommando i soci imprenditori, i pensionati e le varie forme di assistenza al cittadino eroga servizi ad una platea di oltre dodicimila persone l’anno».

Al termine, il ricordo commosso di due punti di riferimento scomparsi negli ultimi mesi: il decano Adelino Brozzola, tra i fondatori dell’Associazione a Venezia nei primi Anni 70, e Gabriele Zuppati, a lungo dirigente nazionale dei fotografi, e presidente provinciale prima negli Anni 90 e poi dal 2013 al 2017.

The post Artigiani Cna di Venezia: Giancarlo Burigatto confermato presidente first appeared on Gente Veneta.

Categorie: Notizie

Lavoro e turismo: l’estate di quattrocento ragazzi disabili in nove località del litorale veneto

Ven, 03/09/2021 - 13:28

Nove spiagge coinvolte, tra le più belle del litorale veneto, tre Aziende sanitarie al lavoro insieme, quattrocento ragazzi disabili che hanno partecipato alle attività proposte durante l’estate 2021: sono gli indicatori che danno la dimensione del successo del progetto “Turismo sociale e inclusivo” presentato oggi a Sottomarina alla presenza dell’Assessore alla Sanità e ai Servizi sociali della Regione Veneto, Manuela Lanzarin.

Ulss 3 Serenissima, Ulss 4 del Veneto Orientale e Ulss 5 Polesana si sono date appuntamento oggi al Centro Astoria, per festeggiare un’estate di lavoro e per stilare un primo bilancio: “Celebriamo un lavoro condiviso – ha spiegato Mauro Filippi, Direttore Generale dell’Ulss 4, capofila del progetto – che ha reso veramente inclusive e accessibili per tutti le nostre spiagge: ed era questo l’obiettivo dell’iniziativa, nata nel 2017 su impulso della Regione Veneto, grazie a una sinergia proficua tra istituzioni e privati. Tantissime le località balneari coinvolte: dal Lido di Venezia a Bibione, da Rosolina Mare a Jesolo, da Caorle a Sottomarina, che ci ospita oggi”.

Ben 33 sono stati gli inserimenti lavorativi in alberghi, campeggi, stabilimenti balneari, grande distribuzione, bar, ristoranti; 400 i ragazzi disabili coinvolti nelle varie attività nelle località balneari aderenti al progetto: tra queste  pet therapy, barca a vela, sup, sub, beach volley, nuoto, paddle, bicicletta, catamarano, escursioni cavallo e altre; più di 40 le strutture e associazioni coinvolte, a cui si aggiungono una ventina di associazioni sportive coinvolte nelle attività ludiche. L’Assessore ha inteso sottolineare lo sforzo compiuto, pur in un anno particolare: “Dall’esperienza di quest’anno, in cui i risultati sono giunti pur con le difficoltà del Covid-19 – ha detto – trae linfa il lavoro futuro. La nostra regione si dimostra aperta ed entusiasta, e le prospettive per il futuro si confermano prospettive di crescita, dentro un contesto che scommette sulle persone per la più piena ripresa”.

“Inclusività” è stata la parola d’ordine. “E in questo grande progetto che celebriamo qui oggi a Chioggia – sottolinea il Direttore Generale dell’Ulss 3 Serenissima Edgardo Contato – la parola ‘inclusività’ significa innanzitutto strutture attrezzate: rampe d’accesso, parcheggi, reception e spogliatoi, o ancora le JoB, cioè le sedie da mare realizzate con materiali resistenti alla salsedine e all’acqua marina per fare un bagno in piena libertà. Ma ‘inclusività’ significa soprattutto accogliere le persone, a partire da chi ha meno fortuna di altri, e costruire anche insieme a queste persone un modo inclusivo di vivere il tempo libero, quello dello sport e del gioco, ma anche il tempo del lavoro, come è stato fatto con i ragazzi che si sono inseriti nell’ambito professionale, e che oggi premiamo per il loro impegno”.

The post Lavoro e turismo: l’estate di quattrocento ragazzi disabili in nove località del litorale veneto first appeared on Gente Veneta.

Categorie: Notizie

Ansia, depressione, lutto, crisi economica: le cause dell’aumento del 25%, in tempo di Covid, del ricorso alla Salute mentale nell’Ulss 3

Gio, 02/09/2021 - 15:51

I servizi di Salute mentale dell’Ulss 3 Serenissima segnalano, tra 2020 e 2021, un significativo aumento degli accessi di persone che subiscono le conseguenze dell’epidemia. L’Azienda sanitaria veneziana ha voluto accendere un riflettore oggi su questo argomento, nel corso di una conferenza stampa. “C’è tutta un’area molto importante dal punto di vista qualitativo e quantitativo – ha spiegato il Direttore del Dipartimento di Psichiatria, il dottor Moreno De Rossi (nella foto d’apertura) – che ha a che fare con il disagio psicologico prodotto dall’epidemia. Abbiamo voluto fare un’indagine presso i nostri Centri di Salute mentale, otto distribuiti in tutto il territorio, che sono i punti a cui principalmente si rivolgono le persone bisognose d’aiuto. Ebbene, abbiamo notato un incremento significativo di accessi: soprattutto alla fine del 2020 e nei primi mesi di questo 2021 abbiamo avuto circa un 25% di aumento delle richieste di aiuto e di cura”.

L’Ulss 3 Serenissima ha verificato la diretta correlazione tra questo impennarsi degli accessi e il Covid-19: “Buona parte delle persone che ci hanno chiesto aiuto – ha sottolineato il Primario De Rossi – si rivolgevano a noi per la prima volta, tanto che questi ‘primi accessi’ sono aumentati addirittura del 30%; si è trattato di persone che prevalentemente presentavano problemi d’ansia, stati depressivi, reazioni di adattamento difficile alla situazione determinata dall’epidemia; tra questi soggetti, numerosi sono quelli colpiti direttamente dalla pandemia: persone contagiate, o ricoverate, o che hanno subìto dei lutti in famiglia. Numerose anche le persone che hanno avuto un effetto diretto della pandemia sulla loro vita personale, soprattutto dal punto di vista economico e lavorativo, e che quindi pagano a livello psicologico i danni notevoli provocati dal Covid-19 nella loro situazione complessiva di vita”.

La conferenza stampa odierna è stata l’occasione per fare il punto sulla campagna vaccinale nell’Ulss 3 Serenissima: “In una fase di ampia disponibilità di vaccini – ha sottolineato il Direttore Generale Edgardo Contato – ci troviamo ad aver raggiunto anche una vasta copertura della popolazione. Restano fasce d’età particolari su cui lavorare, per portare quante più persone possibile a vaccinarsi: penso in particolare alla fascia degli adulti e a quella dei più giovani, tra i 12 e i 19 anni. Come Ulss 3 Serenissima lo stiamo facendo con grande impegno, cercando di andare a sollecitare ambiti specifici: pensiamo al mondo degli sportivi, a quello della scuola, a quello dei turisti, che abbiamo voluto coinvolgere con iniziative specifiche. Nei mesi di luglio e agosto siamo andati a portare tamponi e vaccini anche nelle sagre, e nei grandi eventi come il Redentore: in questi casi e in questi luoghi non solo operiamo come sanitari per l’esecuzione del vaccino o del tampone, ma ci sforziamo di costruire quel dialogo ampio con l’utenza che può convincere coloro che sono restii, o anche di agevolare le pratiche per chi proprio le trova complicate, ad esempio aiutando ad eseguire la prenotazione presso il punto vaccinale”.

The post Ansia, depressione, lutto, crisi economica: le cause dell’aumento del 25%, in tempo di Covid, del ricorso alla Salute mentale nell’Ulss 3 first appeared on Gente Veneta.

Categorie: Notizie

Ulss 3, quattro open day per vaccinare le diecimila badanti del Veneziano

Mar, 31/08/2021 - 14:32

Nuova sfida per l’Ulss 3 Serenissima: raggiungere con il vaccino la popolazione delle “badanti”, che nel Veneziano si stima possano essere diecimila, e in larga misura non sarebbero ancora vaccinate: “I quattro Open Day che l’Ulss 3 Serenissima lancia oggi – sottolinea il Direttore dei Servizi sociosanitari, Massimo Zuin – saranno aperti, ad accesso libero, a tutti gli operatori domiciliari di assistenza, italiani e stranieri. Proponiamo due date al PalaExpo, due a Mirano, due a Dolo e due a Chioggia, nei centri vaccinali locali. Per ricevere il vaccino non servirà la prenotazione, e in quei giorni potrà vaccinarsi anche la persona straniera che non abbia la tessera sanitaria, o che sia in attesa di regolarizzazione”.
“Insieme alle agenzie di intermediazione che operano sul territorio – spiega ancora il dottor Zuin – abbiamo ritenuto di fare questa proposta vasta ed eccezionale a questi soggetti: gli assistenti domiciliari, e in particolare quelle che vengono definite ‘badanti’, sono dei soggetti cruciali per almeno due motivi: in primo luogo, sono persone ‘fragili’ rispetto alla vaccinazione perché spesso hanno problemi con la lingua, vivono molto dentro la casa in cui operano e hanno poca dimestichezza con i servizi; in secondo luogo sono cruciali perché vicinissimi ai nostri anziani, che sono a loro volta fragili. Informare queste persone, questi operatori domestici, e offrire loro un’occasione specifica per vaccinarsi ad accesso libero ci è sembrato importante, così come lo è stato entrare con la vaccinazione nel mondo dello sport e in quello della scuola e dell’università”.
Al fianco dell’Azienda sanitaria, oltre alle agenzie di intermediazione, ha lavorato all’iniziativa il Tavolo Comunità Accoglienti, che è anche un osservatorio privilegiato sul fenomeno “badanti”: “Si stima che nel Veneziano – ha spiegato nel corso della conferenza stampa odierna il dottor Alessandro Bonesso – operino quasi 7000 persone nel solo ambito dell’assistenza, senza contare le collaborazioni irregolari e senza contare le colf. Possiamo dire che ogni 100 anziani ci sono almeno 10 badanti; per il 90% questi operatori dell’assistenza domiciliare sono donne, per il 74% sono stranieri, e più del 50% provengono dai Paesi dell’Est europeo”.
L’Ulss 3 Serenissima, il Tavolo e le agenzie di intermediazione sono impegnate a diffondere tra le “badanti” i quattro Open Day a loro dedicati, che si svolgeranno secondo il seguente calendario:

Pala Expo MARGHERA, Via Galileo Ferraris 5
Sabato 4 e domenica 5 settembre | 8.30-13.30

Bocciodromo MIRANO, Via Giacomo Matteotti 46
Domenica 5 e 12 settembre | ore 8.30-13.30

Palazzetto dello Sport DOLO, Viale dello Sport 1
Sabato 11 e domenica 12 settembre | ore 8.30-13.30

A.S.Po. CHIOGGIA, Via Maestri del Lavoro 50
Sabato 18 settembre | ore 14.30-18.00
Domenica 19 settembre | ore 8.30-13.30

The post Ulss 3, quattro open day per vaccinare le diecimila badanti del Veneziano first appeared on Gente Veneta.

Categorie: Notizie

Jesolo, è morto l’albergatore Tiziano Simonetto. Maschio (Aja): «Capace e propositivo, ha fatto crescere la città»

Mar, 31/08/2021 - 10:52

Una grave e incurabile malattia si è portata via Tiziano Simonetto. Aveva 73 anni. Albergatore di lunga data, dopo una formazione che lo ha portato in Germania e in Inghilterra, negli anni ha gestito, assieme alla moglie Mara, gli hotel Venezuela, Delle Nazioni, Bristol, Dogi, Diana e, per oltre 30 anni, il Las Vegas.

Persona capace, molto professionale, dall’animo gentile e solare e dai modi signorili ed eleganti, lascia, oltre alla sua amata moglie Mara, i figli Carolina e Giovanni, e gli adorati nipotini. Un uomo su cui poter contare, con grande capacità di ascolto, diplomazia, sempre con una parola di conforto per chiunque avesse bisogno di un consiglio o di una parola gentile.

Tiziano era da anni socio dell’Associazione Jesolana Albergatori, di cui è stato anche componente del consiglio. «La storia dell’Aja è diventata importante anche grazie all’apporto di persone propositive e capaci come Tiziano Simonetto e la moglie Mara – commenta il presidente Aja, Alberto Maschio – e se oggi siamo quel che siamo è grazie proprio per quello che hanno dato. All’associazione come alla crescita della nostra categoria. Personalmente è una persona che stimavo molto per qualità umane e capacità di essere incoraggiante e propositivo».

I funerali si svolgeranno mercoledì 1 settembre, alle ore 16, in Duomo a San Donà di Piave. Martedì sera, alle 20.30, rosario all’oratorio don Bosco.

The post Jesolo, è morto l’albergatore Tiziano Simonetto. Maschio (Aja): «Capace e propositivo, ha fatto crescere la città» first appeared on Gente Veneta.

Categorie: Notizie

Venezia: domenica 5, per la Regata Storica, modifiche ai servizi Actv. Ecco cosa cambia

Lun, 30/08/2021 - 17:00

AVM/Actv informa che, nel pomeriggio di domenica 5 settembre 2021, in occasione della Regata Storica, il servizio di navigazione subirà modifiche o sospensioni per consentire il regolare svolgimento della manifestazione.

Il servizio verrà sospeso:
· in Canal Grande dalle ore 15:30 alle ore 19:30 circa
· in Bacino San Marco – da San Marco Vallaresso fino alla fermata di Giardini (compresa) – dalle ore 15:00 alle ore 18:45 circa

Tra le ore 16:15 e le ore 17:45 circa, verrà istituito un servizio navetta lungo la tratta P.le Roma-Ferrovia (e viceversa) dedicato alla mobilità dei passeggeri con difficoltà motorie.

Per il dettaglio di tutte le linee interessate a modifica e sospensioni si faccia riferimento alle informazioni pubblicate nelle locandine diffuse in città e on line sui siti web aziendali www.actv.it e www.avmspa.it.

The post Venezia: domenica 5, per la Regata Storica, modifiche ai servizi Actv. Ecco cosa cambia first appeared on Gente Veneta.

Categorie: Notizie

Vaccino anti-Covid in Veneto: superati i 3 milioni di persone che hanno completato il ciclo

Lun, 30/08/2021 - 12:51

Tre milioni. Tante sono le persone che, in Veneto, hanno completato la vaccinazione con entrambe le dosi (o con una sola nel caso del vaccino Johnson & Johnson o in quello di richiamo dopo aver passato l’infezione).

Il numero di tre milioni è stato superato nella giornata di domenica 29 agosto e viene comunicato nel consueto, quotidiano bollettino della Regione Veneto.

Rispetto a un mese fa i veneti che hanno completato il ciclo vaccinale sono circa 415mila in più, ad un ritmo di circa 13mila persone al giorno. Un dato importante, ma che segna un certo rallentamento registrato nel mese di agosto.

Significativo, invece, il balzo delle vaccinazioni nella fascia d’età dei più giovani: in un mese si è passati dal 28% al 55,9% – quindi si è in pratica al raddoppio – di ragazze e ragazzi che hanno fatto almeno la prima dose. E sono loro, in questi giorni e in vista della riapertura delle scuole, a riempire di presenze i centri vaccinali.

Anche la fascia dei 20-29enni ha decisamente accelerato. La più “lenta”, invece, è quella di adulti e adulte fra 50 e 59 anni: un mese fa si era al 70,1% di coloro che già si erano sottoposti alle due iniezioni; oggi siamo al 73,7%.

In totale, comunque, oggi il 67,3% della popolazione veneta ha completato la vaccinazione e il 77,1% ha fatto almeno la prima iniezione.

The post Vaccino anti-Covid in Veneto: superati i 3 milioni di persone che hanno completato il ciclo first appeared on Gente Veneta.

Categorie: Notizie

Emergenza Afghanistan, l’attenzione del Patriarcato di Venezia

Ven, 27/08/2021 - 20:49

Il Patriarcato di Venezia, attraverso la Caritas diocesana, è attento e disponibile ad agire come interlocutore per le realtà ecclesiali coinvolte nell’emergenza dei cittadini afghani in fuga. Lo ha comunicato oggi la Curia attraverso una nota diffusa ai parroci, facendo così seguito ad urgenze richiamate dalla Caritas italiana.

«La nostra comunità diocesana – si legge nella comunicazione firmata da don Fabrizio Favaro – si sente profondamente interpellata dalla sofferenza dei nostri fratelli e sorelle afghani e chiede al Signore di ispirare azioni caritative da unire alla preghiera, che non deve venire meno».

La Caritas del Patriarcato si porrà così come unico interlocutore tra tutte le realtà ecclesiali veneziane e le istituzioni per «intervenire in maniera coordinata».

L’obiettivo che si vuole realizzare, operando di concerto e secondo le linee di Caritas Italiana, è «offrire quei gesti di accoglienza e carità che ci dovessero essere richiesti per affiancare l’impegno dello Stato italiano e deli altri organismi pubblici, mettendo a disposizione gli strumenti che già da molti anni ci vedono impegnati con amore nell’offrire gesti di carità cristiana».

Si rende così più concreto l’interessamento della Diocesi dopo il primo grande gesto della preghiera comune, sollecitata tanto dal Papa che dalla Conferenza dei Vescovi italiani.

Non va poi sottovalutato, continua la nota, ciò dalla Caritas Italiana richiama: «chiedere forme temporanee di protezione per i circa 310 mila afghani già presenti in Italia e in Europa, perché non corrano il pericolo di essere rimpatriati, ed è forte la pressione che sta esercitando perché venga interrotto il respingimento in frontiera della rotta balcanica».

Il Patriarcato continuerà a monitorare l’evolversi di queste vicende presentando il suo contributo, nei termini e nelle modalità che si renderanno opportune.

Rimane tuttavia un drammatico problema indicato dalla Caritas Italiana: non è realizzabile la possibilità di attivare corridoi umanitari diretti dall’Afghanistan. Le procedure di accoglienza saranno gestite anzitutto dal Ministero degli Interni. Fonti governative dichiarano che le evacuazioni verso l’Italia riguarderanno complessivamente circa 2.000/2.500 collaboratori del contingente italiano ad Herat.

Marco Zane

The post Emergenza Afghanistan, l’attenzione del Patriarcato di Venezia first appeared on Gente Veneta.

Categorie: Notizie

La ripresa si vede dai rifiuti: nell’area Veritas sono cresciuti del 6,3% nei primi sei mesi 2021

Ven, 27/08/2021 - 14:04

La ripresa si vede anche dai rifiuti. Nei primi sei mesi di quest’anno Veritas ne ha raccolti per 218.025 tonnellate, cioè il 6,3% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Non siano ancora alle 227.733 tonnellate del primo semestre 2019 (quindi prima della comparsa del Covid), ma la crescita testimonia una certa ripresa delle attività, in particolare di quelle turistiche, che accrescono la produzione di rifiuti nel territorio.

Il dato viene da un report di Veritas sul primo semestre, che mostra anche che la media di racclta differenziata dei 34 Comuni serviti dall’azienda è arrivata al 74,16%, contro il 73,57% nello stesso periodo dell’anno scorso.

Guidano la classifica dei Comuni “ricicloni” Fossalta di Piave (90,64%), Ceggia (87,9%), San Donà di Piave (85,83%), Cona (85,28%) e Santa Maria di Sala (85,19%).

Resta, però, il problema della qualità delle raccolte differenziate, spesso inquinate da materiali estranei che i cittadini conferiscono per errore o per menefreghismo.

Questi scarti interferiscono pesantemente con le operazioni di trasformazione in nuovi oggetti e materie prime seconde e, se presenti in ingenti quantità, impediscono il riciclaggio di interi carichi di materiali.

Scarti ed errori sono nemici dell’ambiente e fanno crescere i costi di smaltimento e trasformazione dei rifiuti. Si tratta di una decina di milioni di euro che ogni anno appesantiscono le bollette dei cittadini e che potrebbero drasticamente diminuire (fino a sparire) se tutti ponessero maggiore attenzione quando dividono i rifiuti.

Inoltre, all’interno dei sacchetti del rifiuto secco residuo ci sono ancora moltissimi materiali (circa il 40% del totale) che invece dovrebbero essere riciclati.

In sostanza, se tutti separassero bene i rifiuti, il secco residuo si ridurrebbe drasticamente e aumenterebbe la differenziata.

The post La ripresa si vede dai rifiuti: nell’area Veritas sono cresciuti del 6,3% nei primi sei mesi 2021 first appeared on Gente Veneta.

Categorie: Notizie

Forte Marghera: fino a domenica 29 esposizione (e vendita) di auto elettriche e ibride

Ven, 27/08/2021 - 13:48

Inaugurata stamani a Forte Marghera la prima edizione del Green motor village: tre giorni di esposizione di auto elettriche ed ibride delle principali case automobilistiche, accessibile gratuitamente al pubblico da oggi e fino al 29 agosto (tutti i giorni dalle 10 alle 22).

L’evento, dedicato al tema della mobilità rispettosa dell’ambiente, s’inserisce nel programma degli appuntamenti di Città in Festa del Comune di Venezia. A presenziare all’inaugurazione con il rituale taglio del nastro, stamattina alle 10.30, l’assessore comunale alla Promozione del territorio insieme a una delegazione di atleti della squadra maschile e di quella femminile di basket Reyer Venezia, che hanno ricevuto un’auto ecologica da usare durante la stagione 2021-22.

Gli oltre 50 modelli di auto in mostra per i viali del Forte sono esposti dai maggiori concessionari della zona metropolitana di Venezia: si tratta di veicoli ibridi ed elettrici, a disposizione di chiunque visiterà l’evento anche per test drive.

Ma al Green motor village si possono trovare anche veicoli usati a prezzo scontato, bici e monopattini elettrici. Nella giornata di domani in programma una sfilata di moto e auto d’epoca, a cura dei club di appassionati della zona. “Siamo pronti ad accogliere i visitatori di questa prima edizione con tutte le ultime novità del settore mobilità green. Qui potranno incontrare con facilità e tutti insieme i vari concessionari del territorio, provare le auto e porre domande agli espositori per soddisfare le proprie curiosità. Ci auguriamo che il Green motor village possa proseguire con successo nei prossimi anni” ha commentato Stefano Mondini, presidente della Fondazione Forte Marghera.

The post Forte Marghera: fino a domenica 29 esposizione (e vendita) di auto elettriche e ibride first appeared on Gente Veneta.

Categorie: Notizie

Scuole di Mira, in arrivo 230mila euro. Ecco come e dove saranno spesi

Gio, 26/08/2021 - 16:04

Nuovi finanziamenti per le scuole di Mira. Il Comune è riuscito a farsi assegnate circa 230mila di contributo straordinario partecipando ad un bando di concorso ministeriale rivolto all’edilizia scolastica.

Grazie a questo finanziamento, l’amministrazione avvierà alcuni interventi, tra cui l’apertura alla collettività delle palestre all’aperto di Marano e Borbiago, sul modello di quanto fatto dall’amministrazione presso le scuole di via Toti a Mira Taglio.

«Questo vuol dire dare nuovi spazi di aggregazione per i giovani – spiega il sindaco Marco Dori – dato che le nostre scuole hanno spesso i campi da calcio e da basket all’interno del loro perimetro. Sul modello di Mira, sarà invece creata una suddivisione degli spazi che renderà possibile l’accesso sia per gli studenti, sia per chi, invece, vuole usare gli spazi dopo il suono della campanella. A Marano e Borbiago questi aspetti erano molto sentiti e siamo contenti di poterlo fare, anche per il covid».

Con il resto delle somme ottenute con il bando si interverrà invece per ultimare altri interventi come l’adeguamento delle uscite di sicurezza alla Primaria Leopardi e alla palestra della Secondaria Leopardi, mentre un altro consistente intervento riguarda la scuola Baseggio di Malcontenta, con l’adeguamento delle uscite e l’agibilità degli spazi didattici, così come alla media Galileo Galilei Gambarare, in questi giorni oggetto di un altro cantiere da 300mila euro. Chiudono, appunto, la sistemazione degli spazi esterni di Marano e Borbiago.

The post Scuole di Mira, in arrivo 230mila euro. Ecco come e dove saranno spesi first appeared on Gente Veneta.

Categorie: Notizie

I 217 campielli di Venezia in un nuovo libro di Crovato, Mancuso e Vianello Moro

Gio, 26/08/2021 - 14:08

Quanti sono i campielli di Venezia? Giulio Lorenzetti, nella sua celebre guida “Venezia e il suo Estuario” ne cita 50 all’interno di 12 itinerari di visita della città. Una piccola parte: i campielli tra Venezia e le isole di Murano. Burano, Pellestrina e Lido-Malamocco sono molti, molti di più di quelli che ci immaginiamo e che pensiamo di conoscere. Sono ben 217.

Ci sono volute la curiosità e la pazienza certosina di un gruppo di lavoro composto da un fotografo, uno storico, un urbanista e un editore per completare questo lavoro di catalogazione e di schedatura dei campielli veneziani, interfacciando strumenti ufficiali, camminando in lungo e in largo per la città, verificando e fotografando, fino ad arrivare alla realizzazione del volume “Venezia nei Campielli” (Supernova editore), fatto di fotografie accompagnate da preziose schede e annotazioni storico-urbanistiche che la rendono uno strumento di consultazione e al tempo stesso una guida alla Venezia “minore”.

I tre autori sono veneziani; sono: Giorgio Crovato, autore di altri libri quali “Isole abbandonate della Laguna” (1978-2008); “Sant’Erasmo” (2009) e “Pellestrina” (2020) per la collana “Venezia 900. Le memorie, le storie”.

Poi Franco Mancuso, architetto, veneziano, è stato docente di progettazione urbanistica presso lo Iuav. Tra le sue opere maggiori: a Venezia, il nuovo padiglione della Corea ai Giardini della Biennale, il recupero dell’ex Convento di San Lorenzo a Castello e dell’ex Istituto San Giovanni alla Giudecca, entrambi destinati a residenza per anziani.

Infine Franco Vianello Moro, già presidente del Centro Sportivo Universitario, presidente del Consiglio di Quartiere 1 e presidente dell’Istituzione per la Conservazione della Gondola e la Tutela del Gondoliere.

Per il corredo delle immagini del libro è stato necessario fare una scelta, e selezionare 60 campielli che per le loro caratteristiche si prestassero ad una ripresa fotografica ad ampio spettro, selezionando di volta in volta il miglior angolo di inquadratura; il risultato è un montaggio di una sequenza spaziale di più scatti, tutti a mano libera, che permette di avere una visione ampia, allargata, potremmo definirla panoramica. Tutti gli altri 157 campielli sono invece rappresentati con scatti unici.

Dal libro alla mostra fotografica, il passo è stato breve: l’Ateneo Veneto ha accolto subito la proposta degli autori del libro e ha messo a disposizione la Sala Tommaseo dell’istituto per realizzare una mostrac, composta da 10 foto scelte tra le più significative del libro (una per sestiere e per isola) e stampate in grande formato.

La mostra fotografica “Venezia nei Campielli”, con gli scatti di Franco Vianello Moro, rimarrà aperta al pubblico fino al 27 settembre, dal lunedì al venerdì, con orario 10.00-13.00 e 15.00-18.00.

L’ingresso è libero.  Per accedere alla mostra è necessario esibire il Green Pass e un documento di identità valido. 
Giovedì 9, 16 e 23 settembre, dalle 17.00 alle 18.00, sono previste tre visite guidate alla mostra in compagnia degli autori del volume, per un numero massimo di 10 persone a visita. Prenotazione obbligatoria scrivendo a [email protected]

The post I 217 campielli di Venezia in un nuovo libro di Crovato, Mancuso e Vianello Moro first appeared on Gente Veneta.

Categorie: Notizie

Pagine