Notizie

Marco Polo di Tessera, via ai lavori per l’ampliamento: altri 3500 metri quadri per l’area voli intercontinentali

Gente Veneta - Ven, 25/05/2018 - 22:21

Posa della prima pietra per i lavori all’aeroporto Marco Polo di Tessera. I lavori porteranno all’ulteriore ampliamento del terminal passeggeri, dedicato ai voli dell’area extra Schengen.

I presenti alla cerimonia per la posa della prima pietra dell’ampliamento dell’aerostazione

 

L’obiettivo è di dare spazi e servizi nuovi, che consentano allo scalo veneziano una crescente concorrenza rispetto alle aerostazioni più importanti d’Italia, da Malpensa a Fiumicino.

L’investimento messo in campo è di 28 milioni di euro e rientra tra le opere previste nel Master Plan dell’aeroporto 2012-2021.

Alla posa della prima pietra hanno partecipato, tra gli altri, la presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, l’assessore ai Lavori pubblici del Veneto, Elisa De Berti, il Presidente di Enac, Vito Riggio, ed Enrico Marchi, presidente di Save.

L’ampliamento dell’aeroporto sarà ultimato entro il 2020. Si tratta di un progetto di rilievo per l’attività dello scalo veneziano, data la forte crescita dei volumi di passeggeri extra Schengen, che già oggi rappresentano il 32% del totale. Con i suoi 3.500 mq di estensione, che si aggiungeranno agli attuali 8.000 mq, la nuova ala dell’aerostazione accrescerà le superfici del terminal in modo significativo.

Categorie: Notizie

La dieci cappelle del Padiglione Vaticano a Venezia, il Patriarca: «Simboli che raccontano Venezia e dialogano con Dio»

Gente Veneta - Ven, 25/05/2018 - 22:04

«Bellezza, arte, multiculturalità, accoglienza e fede costituiscono da sempre la cifra di Venezia. E le cappelle che oggi abbiamo il piacere di visitare s’inseriscono perfettamente nel contesto dell’isola di San Giorgio e, in essa, nel peculiare, fragilissimo e unico ambiente lagunare».

Lo sottolinea il Patriarca Moraglia intervenendo, nel pomeriggio di venerdì 25, all’inaugurazione del Padiglione della Santa Sede alla Biennale Architettura di Venezia. Il Vaticano propone un Padiglione immerso nel bosco dell’isola di San Giorgio Maggiore, all’interno della Fondazione Cini. Qui sono state dislocate dieci cappelle, progettate da altrettanti architetti, di provenienza e fede diverse, che si sono ispirati nelle loro opere alla “Cappella del Bosco” di Gunnar Asplud, costruita nel 1920 nel cimitero di Stoccolma.

Il Patriarca interviene all’inaugurazione, alla Fondazione Cini. Nella foto di apertura è con il card. Gianfranco Ravasi

 

«Rifacendosi all’idea della “Cappella nel bosco” – prosegue mons. Moraglia – il Padiglione propone una comunità in dialogo spirituale che prega in un contesto pienamente integrato con la natura. Venezia risponde bene a tale dialogo e itinerario spirituale fra le sue chiese, immersa com’è, in modo unico, nella bellezza del suo habitat unico e irripetibile. Venezia è, insieme, opera di Dio e dell’uomo».

Per le Vatican Chapels sono stati impiegati materiali diversi, tutti riciclabili e smontabili come ceramica, calcestruzzo leggero e armato, acciaio, legno. Ai 10 architetti – Andrew Berman, Francesco Cellini, Javier Corvalàn Espínola, Ricardo Flores & Eva Prats, Norman Foster, Terunobu Fujimori, Sean Godsell, Carla Juaçaba, Smiljan Radic Clarke, Eduardo Souto de Moura – sono state date inoltre delle regole di dimensione, disposizione, riproduzione di oggetti, ma soprattutto è stata consegnata la sfida di inserire questi piccoli spazi sacri all’interno del bosco, emblema di una natura benevola che riconcilia lo spirito.

Emblema, appunto: «Il progetto “Cappella nel bosco” – conferma il Patriarca – ci ricorda come l’edificio-chiesa non sia solo uno spazio funzionale, ma un luogo simbolico dell’incontro con Dio».

L’architettura sacra, custodendo il linguaggio simbolico, «deve opporsi ad ogni deriva iconoclasta», ha rimarcato mons. Moraglia: «Quando si abita la Parola e si pratica il linguaggio sacramentale, si giunge alla contemplazione di Dio e così la percezione di Dio nella storia si esprime in immagini, spazi e possibilità artistiche nuove, tanto da rendere visibile il “Mistero cristiano” a partire da quello dell’Incarnazione. Percepire il simbolo è essenziale per la comunità religiosa e civile; il simbolo, infatti, rimanda a quanto va oltre ogni tipo di funzionalismo e, insieme, dice la capacità di elevarsi a un Oltre che svela l’uomo all’uomo».

Tanto da poter dire, conclude il Patriarca Francesco citando uno degli autori più amati e letti del Novecento, Hermann Hesse, che “Arte significa: dentro a ogni cosa mostrare Dio”.

Categorie: Notizie

Mestre, da capannone a tempo per la ginnastica: aperta una nuova palestra

Gente Veneta - Ven, 25/05/2018 - 19:07

Da capannone a tempio della ginnastica femminile. Sono 600 metri quadri di palestra quelli inaugurati pochi giorni fa in via Ca’ Marcello a Mestre. È nato, infatti, il secondo punto di riferimento mestrino della disciplina, con qualcosa in più: perché qui si farà anche ginnastica di inclusione e attività sociale.

<Un polo culturale sportivo della ginnastica> definisce il nuovo “Labvce” la sua ideatrice, Tania Festari. Lei, docente alla primaria, ne diventerà il direttore tecnico, dopo un trentennio dedicato agli allenamenti delle sue ragazze. Maestra di matematica al mattino e allenatrice al pomeriggio. Ora anche responsabile di una palestra.

<C’era la voglia di creare un’altra realtà a Mestre dedicata a questa disciplina – spiega la 47enne giudice nazionale della federazione ginnastica – e grazie ad alcuni genitori delle ginnaste io ed alcune allenatrici ci siamo attivate e abbiamo investito su questo progetto. Abbiamo optato per un posto nuovo e grande perché lo spazio nella ginnastica artistica è fondamentale, non la si può fare allo stesso modo nelle palestre di scuola o comunali>.

Tre le giovani coach e tre le ginnastiche codificate: artistica, ritmica e aerobica da gara. Più la ginnastica tradizionale per tutti, anche per anziani, bimbi e disabili. In una palestra attrezzata soprattutto per la ginnastica femminile. <Strade suggerite dalle competenze che ho acquisito a scuola, che mi hanno indirizzato verso una lettura più sociale dello sport, strumento di inclusione che va oltre l’agonismo>.

Tutto è nato per caso, spiega lei: <Conoscevo il padrone del capannone e l’ho contattato. E a lui è piaciuta parecchio la nostra idea, soprattutto l’attenzione del progetto ai minori e al mondo della disabilità. Ci ha creduto davvero>. Così è partita la richiesta dei permessi, la ricerca degli sponsor e le modifiche per renderla palestra a tutti gli effetti.

Quattro anni di fatiche per Tania e il suo team. Labvce il nome, Marco Polo ginnastica la sigla con la quale iscriveranno e federeranno le ragazze per le gare. <Ma vorremmo una fusione tra più realtà associative. Speriamo che alcune associazioni chiedano di poter lavorare in questo spazio e che questo diventi un progetto unico per condividere esperienze e fare cultura>.

Tania è ginnasta dall’età di 5 anni. È entrata in palestra e non ci è più uscita. Dai 5 ai 14 anni come ginnasta, poi apprendista istruttrice, poi allenatrice. Fino a portare le sue ragazze in serie A. Ma da qualche tempo aveva accantonato travi, parallele e corpo libero perché, dove insegnava, <non trovavo spazio per innovazione, trasversalità, progettualità nuova. Quello che invece cercheremo di fare qui. Faremo ciò che sappiamo fare meglio. La nostra sarà una palestra principalmente femminile, con attrezzature adatte a loro>.

È quasi tutto pronto per domenica, per una palestra che, a regime, potrebbe contare 350 iscritti di cui 250 bambine. <Numeri con i quali – sorride Tania – dovremmo riuscire a “tenere in piedi la baracca”. Ma senza il contributo pratico di tutti coloro che hanno creduto in questo progetto non saremmo riusciti a metterla in piedi. Abbiamo cercato di limare le spese non avendo così tanta liquidità a disposizione. Ogni socio ha messo del suo. C’è anche chi è venuto a pitturare… addirittura mio marito ci ha aiutato con dei lavoretti. E poi ci sono gli sponsor>.

Un rischio d’impresa non da poco, considerate le attività attorno che continuano a chiudere. Paura di fare la stessa fine? <No. La nostra è in un posto strategico, raggiungibile in pochi minuti dai principali centri della terraferma. E poi nel mondo della ginnastica c’è ancora una grande aspettativa. È ancora sognata dalle giovanissime. La richiesta c’è, non è mai passata di moda. Di palestre di ginnastica artistica a Preganziol, Casier, Treviso, Padova, ad esempio, non ce ne sono che chiudono, vanno tutte molto bene>.

Giulia Busetto

Categorie: Notizie

Scuola di San Rocco, al via il restauro di due teleri di Tintoretto. I lavori saranno sempre visibili al pubblico

Gente Veneta - Ven, 25/05/2018 - 13:41

Nell’ambito delle manifestazioni previste per il 500esimo anniversario della nascita del pittore Jacopo Tintoretto, lunedì 28 maggio, nella Sala terrena della Scuola Grande di San Rocco, avrà inizio l’operazione di restauro dei due famosi teleri del grande artista conosciuti come le “due Marie”: Santa Maria Maddalena e Santa Maria Egiziaca.

Il restauro è completamente sponsorizzato da Sky Arte Hd che con la casa di Produzione Except sta anche girando un film sulla vita e le opere del grande pittore.

Alla presenza della Soprintendenza ai Beni Culturali di Venezia, della ditta restauratrice C.B.C. di Roma e dei responsabili della Scuola Grande due grandi quadri di uguali dimensioni (L. 210 cm; H. 425 cm) saranno staccati dalle pareti laterali e posizionati in un’area recintata (progettata e realizzata dalla ditta Uni.S.Ve.) a ridosso dell’altare nella stessa Sala.

Il lungo lavoro di restauro, che si prevede durerà 6 mesi, sarà così visibile a tutto il pubblico che in quel periodo avrà occasione di visitare la Scuola Grande.

Categorie: Notizie

Bus Mestre: si allunga ad Asseggiano e Spinea la linea 47H. Nasce la 9H, da Villaggio Laguna all’ospedale

Gente Veneta - Ven, 25/05/2018 - 11:21

Da lunedì 11 giugno verrà potenziato il collegamento con l’Ospedale all’Angelo di Mestre e viceversa.

Con all’avvio dell’orario estivo di trasporto da lunedì 11 giugno, infatti, verranno potenziate le linee 47H (ospedale) e verrà istituita la linea 9H.

Per quanto riguarda la prima – spiega l’assessore comunale alla Mobilità, Renato Boraso – si procederà al prolungamento della linea dal capolinea del Circus di Chirignago fino alla stazione SFMR di Spinea transitando per il piazzale antistante la chiesa di Asseggiano: in questo modo il 47H garantirà un servizio anche a tutta la comunità di Asseggiano e raccoglierà anche l’utenza di via Miranese.

Inoltre verrà istituita, per la prima volta, la linea 9H che collegherà Villaggio Laguna con l’Ospedale dell’Angelo, partendo da Piazzale Zendrini e transitando per Campalto, Via Orlanda, Via Forte Marghera e Mestre Centro – Piazzale Cialdini. Vi saranno 12 corse giornaliere che copriranno così le fasce mattutina, pomeridiana e serale della giornata.

Categorie: Notizie

Veglia di Pentecoste, nella chiesa anglicana di St. George, per i 25 anni di ecumenismo a Venezia

Gente Veneta - Ven, 25/05/2018 - 08:20

Il racconto della discesa dello Spirito Santo il giorno della Pentecoste, con il dono delle lingue agli apostoli… letto in cinque lingue diverse. L’effetto è forte e niente di meglio per festeggiare i 25 anni di ecumenismo a Venezia. È nel 1993, infatti, che si costituisce il Consiglio locale delle Chiese cristiane.

Giovedì si sono celebrati con una veglia di Pentecoste, che ha riunito otto diverse Chiese cristiane della nostra città nella chiesa anglicana di St. George a San Vio. Chiesa piena e otto celebranti: del Seminario della Salute e don Francesco Marchesi, delegato diocesano all’ecumenismo, don Andrea Longhini, parroco dei Gesuati, Carmini e San Trovaso, padre Avram Matei, rumeno ortodosso, il pastore luterano Bernd Prigge, il valdese Alberto Bragaglia, il filippino padre John della Chiesa carismatica episcopale e il padrone di casa, Malcolm Bradshaw.

Ha fatto seguito alla cerimonia, con suggestivi canti in latino, rumeno, italiano e inglese, il taglio della torta per l’anniversario, sotto le vetrate che ricordano John Ruskin e Robert Browning, famosi inglesi residenti a Venezia.

Ilaria Serra

Categorie: Notizie

Buon compleanno, Patriarca Francesco!

Gente Veneta - Ven, 25/05/2018 - 00:01

Buon compleanno al Patriarca Francesco! Oggi, 25 maggio, compie 65 anni. Auguri affettuosi da Gente Veneta e da tutta la Chiesa veneziana.

Invitiamo i nostri lettori a scrivere i propri auguri al Patriarca Francesco nel post della pagina Facebook di GV. Di nuovo Buon Compleanno!

Categorie: Notizie

Studium Cattolico Veneziano, otto giornate in Campania

Gente Veneta - Gio, 24/05/2018 - 21:51

La Reggia di Caserta e il suo splendido parco, la cattedrale lombardo-siculo-normanna di Caserta Vecchia, il Museo Archeologico di Capua, l’anfiteatro romano e il Mitreo di S. Maria Capua Vetere, S. Sofia e l’arco di Traiano a Benevento, la Villa romana di Oplontis e gli scavi di Ercolano, le suggestive e inquietanti Catacombe di S. Gaudioso a Napoli, i due santuari di Montevergine e di S. Maria dei Lattani, l’isola di Procida.

Sono solo alcuni dei molti monumenti e luoghi che il gruppo dello Studium Cattolico Veneziano (qui ritratto nel chiostro della Certosa di Napoli) ha potuto ammirare nelle otto giornate di escursione in Campania. Giornate nelle quali è stato dato anche largo spazio alla riflessione sui testi biblici proposti dalla liturgia e commentati a turno dai partecipanti. Non solo cultura, dunque, ma anche un’esperienza spirituale, vissuta in un clima di sincera amicizia.

Categorie: Notizie

A Campalto, sabato 26, in ricordo del Patriarca Marco

Gente Veneta - Gio, 24/05/2018 - 21:45

Dopo la celebrazione eucaristica presieduta dal Patriarca Francesco Moraglia e svoltasi sabato 12 maggio, in una cattedrale marciana particolarmente gremita e che ha visto anche, un momento fatto da testimonianze e dalla lettura di alcuni suoi “pensieri”, ecco una speciale giornata di studio ideata per approfondire alcuni contenuti del ministero pastorale del Patriarca Marco.

L’iniziativa è promossa dall’Associazione Dossetti, dall’Associazione Amici Don Germano Pattaro e dalla Parrocchia Ss. Benedetto e Martino di Campalto e si tiene nella giornata di sabato 26 maggio nel patronato parrocchiale di Campalto intorno al tema “Marco Cè: pastore, maestro e padre. La gioia dell’amore, un dono e un compito”.

Si comincia alle ore 10.30 con una videotestimonianza del Patriarca Marco e con gli interventi di Marco Da Ponte e Camilla Fior; alle 12.30 ci sarà il pranzo condiviso mentre nel pomeriggio, dalle ore 14.30, sono previsti gli interventi di Tiziano Scatto (diacono permanente), Roberto Scarpa (Casa famiglia S. Pio X), Anna Del Bel Belluz (Consultorio S. Maria Mater Domini) ed altri ancora che vorranno offrire la loro testimonianza al riguardo. Alle ore 16.00 l’incontro si concluderà con la preghiera del vespro.

Categorie: Notizie

Venezia e Mestre, lavori per un milione di euro per potenziare l’illuminazione pubblica

Gente Veneta - Gio, 24/05/2018 - 21:36

Interventi per un milione di euro per potenziare l’illuminazione pubblica e i sistemi di videosorveglianza nella terraferma e a Venezia centro storico e Isole. Li ha decisi la Giunta Brugnaro.

Per quanto riguarda la Terraferma, è stato approvato il progetto definitivo, per un valore di 800mila euro, per lavori che saranno destinati principalmente al potenziamento della rete di illuminazione e alla realizzazione di interventi volti a migliorare la sicurezza della mobilità. In questo ultimo caso si procederà incrementando il ruolo fondamentale che svolge la segnaletica luminosa nel tracciato stradale.

In quest’ottica si provvederà con tre fasce di interventi: la prima consiste in una manutenzione, oltre che ordinaria, anche straordinaria della rete in considerazione delle recenti e numerose trasformazioni urbane e viabilistiche. La seconda riguarda l’adeguamento degli impianti semaforici della tratta tranviaria soprattutto nelle aree Viale S. Marco, S. Giuliano e Tronchetto, e, infine, la realizzazione di un nuovo impianto semaforico all’Ospedale Civile “dell’Angelo” i cui accessi principali e di emergenza sono disciplinati da rotatorie e che ha visto, negli ultimi anni, anche la necessità di accesso su via Paccagnella. Proprio con questo obiettivo si è deciso di realizzare un impianto semaforico, il quale andrebbe anche a disciplinare Via Capitello e l’attraversamento pedonale posto a est dello stesso e il cui funzionamento sarebbe a chiamata in presenza di auto o pedoni per non rallentare il flusso dei veicoli su Via Paccagnella.

Nello specifico si eseguiranno manutenzioni straordinarie relative a impianti nelle seguenti aree:

Miranese – Tangenziale: modifica guard rail e strutture semaforiche per pedoni

Cappuccina – Tasso: ripristino cavidotti danneggiati

Corso del Popolo – Costa: sistemazione lanterna pedonale e dispositivi non vedenti

Pio X – Fapanni: sostituzione regolatore semaforico per gestione pista ciclabile

S. Donà – Ca’ Rossa: ripristino cavidotti danneggiati

Piave – Stazione: sistemazione lanterna pedonale e dispositivi non vedenti

S. Donà – Vallon: Adeguamento semafori per sicurezza pedoni

Sernaglia – Dante: ripristino isola spertitraffico con posa semafori per pista ciclabile

Avena – Colombara: Sostituzione regolatore semaforico per nuova intersezione

Torino – Università: sistemazione lanterna pedonale e dispositivi non vedenti

Pedonale Bella: semafori su area spartitraffico per sicurezza dei pedoni

Caserma VVFF Lido – Gallo: sostituzione regolatore semaforico

Per quanto riguarda invece gli adeguamenti semaforici nella tratta tranviaria si procederà con:

S. Marco – Zanotto: connessione e configurazione su sistema di gestione centralizzata

SR11 – Tronchetto: Sostituzione del ritto del palo a sbraccio con palina di supporto

Triestina – Centro commerciale: installazione di lanterne ripetitrici

Paolucci – Lavelli: connessione e configurazione su sistema di gestione centralizzata

Piazzale Municipio – via del Mercato: ripristino cavidotto interrato

Piazzale Beccaria – via Rinascita: sostituzione della palina con palo a sbraccio

Rinascita – Lavoratore: isola spartitraffico con palina semaforica con lanterna bus

Brunacci – Salamonio: sostituzione palina con palo a sbraccio e relativa lanrterna

Pedonale viale S. Marco: connessione e configurazione su sistema di gestione centralizzata

Viale S. Marco – svincolo S. Giuliano: connessione e configurazione su sistema di gestione centralizzata

Via Forte Marghera – svincolo S. Giuliano: connessione e configurazione su sistema di gestione centralizzata

Svincolo S. Giuliano centrale: connessione e configurazione su sistema di gestione centralizzata

Pedonale S. Giuliano: connessione e configurazione su sistema di gestione centralizzata

Piazzale Roma: connessione e configurazione su sistema di gestione centralizzata.

Per quanto riguarda, invece il potenziamento dell’illuminazione pubblica saranno interessate: PiazzaFerretto e Piazzetta Matter, Via Ferro (lato P. Ferretto),Via Manin (Lato P. Ferretto), Riviera Magellano (Lato P. Ferretto),Via della Torre (Lato P. Ferretto) Via Pescheria Vecchia (Lato P. ferretto), Calle del Sale (Lato P. ferretto), Via Gino Allegri, Via Aleardi, Via Bembo, Via Fogazzaro, Via Gozzi, Via Leopardi, Via Monti, Via Parini, Via Paruta, Via Tasso, Via Tergolina,Via Costa, Riviera XX Settembre, Via Mestrina, Via Palazzo, Corso del Popolo (marciapiedi), Corso del Popolo e via Castellana (Illuminazione dei passaggi pedonali), Via Lazzari piazzale “ COIN”, Rotatoria di S. Giuliano/Cavalcaferrovia direz. VE (nuovo impianto), rifacimento parziale impianto Parcheggio Piscina Terraglio, Piazzale Quartiere Pertini, Via Trincanato, Via Modigliani (completamento impianto della pista ciclabile), Parco Zia – Zelarino, Parco di via Montessori (nuovo impianto), Piazza Mercato Marghera, parco di Via Case nuove (nuovo impianto a completamento) e illuminazione dei passaggi pedonali centro Malcontenta e di Via Orlanda, Via Triestina, Via Altinia.

Altri 200mila euro sono invece destinati alla realizzazione di più interventi finalizzati all’ installazione e/o implementamento di nuovi impianti di illuminazione pubblica sparsi su tutto il centro storico e le Isole di Venezia. Nello specifico si interverrà nel Sestiere di S. Croce (Campo S. Pantalon e calli limitrofe, Campiello Mosca e calli limitrofe, Campiello Angaran, Fondamenta Minotto e Salizzada S. Pantalon, Fondamenta del Gaffaro, Campo Castelforte), nel Sestiere S. Polo (Campo S. Polo e calli limitrofe, Campiello S. Agostin, Riva dell’Ogio, Campo e Calle de Le Becarie, Calle dei Boteri, Calle del Campaniel, Zona Erbaria e Pescheria Rialto, Campo dei Frari), nel Sestiere Castello (Campo S. Maria Formosa, Barbaria de Le Tole, Salizzada dei Greci e Fondamenta dell’Osmarin, Fondamenta de Quintavalle, Campiello dei Pomeri, Fondamenta S. Lorenzo, Fondamenta S. Severo, Fondamente Nove, Rio Terà e Fondamenta S. Iseppo, Paludo S. Antonio, Seco Marina), nel Sestiere Cannaregio (Fondamenta Cannaregio, Fondamenta S. Giobbe e Savorgnan) nel Sestiere Dorsoduro (Campo S. Agnese, Rio Foscarini, Rio Terà dei Catecumeni, Rio terà ai Saloni, Rio Terà Foscarini, Fondamenta Nani e Priuli, Campo S. Barnaba, Fondamenta della Toletta) e nel Sestiere S. Marco (Campo S. Stefano, Campo S. Angelo). In tutte queste realtà si procederà con il potenziamento dell’ attuale sorgente luminosa a led e, in accordo con la Sovrintendenza, al posizionamento di eventuali ulteriori punti luce.

Categorie: Notizie

Mestre, Marghera, Lido e Murano: sette concerti nelle chiese con i musicisti della Fenice

Gente Veneta - Gio, 24/05/2018 - 17:42

Sette concerti, dal 26 maggio al 28 giugno, nelle chiese di Favorita, Marghera, Carpenedo, Chirignago, Malcontenta, Lido e Murano, con programmi musicali che spaziano da Pachelbel a Morricone, da Vivaldi a Stiegler: è in estrema sintesi il programma del nuovo ciclo di concerti delle Città in festa, la rassegna promossa dal Comune di Venezia e dalla Fondazione Teatro La Fenice, vedrà anche quest’anno i professori d’orchestra della Fenice esibirsi in ‘trasferta’ in alcuni luoghi significativi dell’arcipelago e della terraferma.

«Abbiamo chiesto alla Fenice – spiega l’assessore Paola Mar – di riproporre un programma di eventi che saranno ospitati nelle chiese o nelle sale dei patronati. Richiesta che il Sovrintendente Ortombina ha accolto condividendone la valenza sia dal punto di vista culturale sia sociale».



(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Ecco il calendario completo: sabato 26 maggio alle ore 21 nella Chiesa Santa Maria del Carmelo di Favorita, e in replica il sabato successivo, il 2 giugno alle ore 17, nella Sala Teatro Patronato San Pio X di Marghera, l’ensemble di fiati della Fenice eseguirà il Divertimento di Franz Joseph Haydn, le Antiche danze ungheresi di Ferenc Farkas, il Canone di Johann Pachelbel, Trois pieces breves di Jacques Ibert e l’ouverture dal Barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini.

Sabato 2 giugno alle ore 20.45 nella Chiesa di San Gervasio e Protasio di Carpenedo, e in replica domenica 24 giugno alle ore 20.30 nell’Aula Magna del Patronato San Pio X del Lido di Venezia, i Solisti della Fenice interpreteranno il Settimino in mi bemolle maggiore op. 20 di Ludwig van Beethoven e l’ouverture dal Barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini.

Domenica 3 giugno alle ore 21 nella Chiesa di San Giorgio Martire di Chirignago, e in replica venerdì 8 giugno alle ore 21 nella Chiesa di Sant’Ilario Vescovo di Malcontenta, il quartetto d’archi composto dagli strumentisti del Teatro La Fenice eseguirà il Canone di Pachelbel, L’arrivo della regina di Saba dall’oratorio Solomon di Georg Friedrich Händel, il Concerto in sol maggiore rv 151 alla rustica di Antonio Vivaldi, il Divertimento per archi n. 1 in re maggiore kv 136 e il Quartetto per archi n. 1 in sol maggiore kv 80 di Wolfgang Amadeus Mozart, e infine un medley di colonne sonore di Ennio Morricone.

La rassegna si concluderà con il concerto nel Duomo di San Donato di Murano, giovedì 28 giugno alle ore 20.45, con l’ensemble di corni del Teatro La Fenice che interpreterà la Grande Messa di Sant’Uberto di Karl Stiegler e la Suite Gebet des Jägers di Heinrich Wottawa.

Categorie: Notizie

Vandali a San Giuseppe di Mestre, tre auto con le gomme bucate. Il parroco: «Gli autori vadano a confessarsi»

Gente Veneta - Gio, 24/05/2018 - 17:10

«La violenza pretende di essere la soluzione di un problema. In realtà è il problema». Questa frase di Friedrich Halker è stata scelta da don Natalino Bonazza come chiave di lettura e di commento per l’episodio molto sgradevole accaduto in questi giorni, in concomitanza con la festa del Villaggio nella parrocchia di San Giuseppe, a Mestre.

«Mi riferisco a dei fatti – scrive don Bonazza nel foglio “Comunità e Servizio” – di cui chiedo scusa a nome della comunità parroc­chiale di San Giuseppe. Nel giro di ventiquattr’ore tre auto, parcheggia­te proprio in prossimità dell’ingresso alla Festa, hanno avuto ciascuna due gomme forate. Atti deliberati, da stigmatizzare in termini netti: nessun vandalismo è giustificabile. Se ci sono problemi con il far west del parcheg­gio – ovunque e comunque – non è questo il modo di affrontarli. Mai. Da nessuna parte, sia al Villaggio San Marco, sia al Quartiere Pertini, qualo­ra avesse a succedere».

Una fe­sta, sottolinea il parroco, «è riuscita quando sa tener dentro con grandezza d’animo e pazienza anche le fatiche, qualche momento spiacevole o di tensione e conflitto. Il che non significa però restare indiffe­renti o acquiescenti di fronte a gesti di vandalismo. Gli autori di simili fatti – conclude don Natalino – vadano a confessarsi».

Categorie: Notizie

Alternanza scuola lavoro: Veneto primo in Italia per disponibilità delle aziende ad accogliere studenti

Gente Veneta - Gio, 24/05/2018 - 15:46

Il Veneto è la prima regione, in Italia, per propensione delle imprese ad ospitare studenti in alternanza scuola lavoro. Lo attesta uno studio di Unioncamere-Anpal.

In Veneto il 17,3% delle aziende hanno dato la loro disponibilità e stanno ospitando o ospiteranno a breve studenti delle superiori per uno stage. Subito dopo, con il 17,2%, viene il Trentino Alto Adige; quindi il Friuli Venezia Giulia, con il 16,4% e la Lombardia con il 14,9%.

Al solito, sono le regioni meridionali d’Italia che mostrano una propensione minore: chiudono la classifica la Sicilia, con il 7,5%, e la Campania, con il 5,4%.

“Una cosa è certa, nell’impegno a riallineare un sistema formativo disallineato e rafforzare il sistema dell’alternanza scuola lavoro, il Veneto è leader in Italia”. Commenta così Agostino Bonomo Presidente di Confartigianato Imprese Veneto i dati dell’indagine, rielaborati dall’osservatorio di Confartigianato Imprese Veneto.

E’ a livello provinciale che le statistiche venete toccano i massimi. Primo e secondo posto sono occupati da Vicenza (19,3%) e Belluno (19,1%). Seguono Vercelli (19%), Pordenone (18,5%), Como e Treviso (entrambe con il 18,4%), Lecco (18,3%), Biella (17,9%), Varese e Mantova (entrambe con il 17,7%).

Categorie: Notizie

Antonia Arslan e gli scrittori armeni vittime di genocidio: incontro il 29 a Venezia

Gente Veneta - Gio, 24/05/2018 - 10:17

Martedì 29 maggio, alle ore 17.30, al Centro Cosulich in campo Sant’Agnese, Dorsoduro 908, a Venezia, si terrà la presentazione del libro di Antonia Arslan “Benedici questa croce di spighe… Antologia di scrittori armeni vittime del genocidio”, Edizioni Ares.

Durante l’incontro, la celebre scrittrice padovana, di origini armene, darà testimonianza, attraverso la lettura delle loro poesie da lei fedelmente raccolte, al martirio degli autori Daniel Varujan, Siamantò, Rupen Sevag, Padre Garabed der Sahaghian, Ardashes Harutiunian, Krikor Zohrab, Rupen Zartarian, Dikran Ciögürian, Tlgadintzì, Hrant, Yerukhan e Kegham Parseghian, vittime della cieca ferocia turca nella persecuzione dal 1915 al 1916.

L’appuntamento al Centro Cosulich, come sempre aperto al pubblico fino ad esaurimento posti, sarà un’altra occasione, dopo l’evento sulla tragedia dell’esodo istriano-dalmata, per meditare sulle terribili lezioni della Storia.

Categorie: Notizie

Tangenziale di Mestre, tamponamento tra sei auto allo svincolo della Miranese: tre chilometri di coda

Gente Veneta - Gio, 24/05/2018 - 09:09

Un tamponamento ha coinvolto 6 autovetture questa mattina, poco dopo le 8, sulla Tangenziale di Mestre, al chilometro 11, nei pressi dello svincolo Miranese, in direzione Trieste.

Attualmente si transita solo sulla prima corsia, con circa 3 chilometri di coda in carreggiata est. Sul posto operano Polstrada, Vigili del Fuoco e Suem-118, per alcuni feriti lievi, oltre al soccorso meccanico e due mezzi di CAV con gli ausiliari coordinati dal Centro Operativo di Mestre.

Categorie: Notizie

Il messaggio cristiano dei dipinti con la Madonna nella chiesa di Santo Stefano a Venezia: incontro giovedì 31

Gente Veneta - Gio, 24/05/2018 - 09:02

“Maria Madre di Dio e Madre nostra nelle opere d’arte della chiesa di S. Stefano” è il tema del prossimo incontro del ciclo “Invito allo sguardo”. Giovedì 31 maggio alle ore 18, nella chiesa di Santo Stefano a Venezia interverrà Ester Brunet.

“Invito allo sguardo”. Perché non si tratta solo di vedere, ma di rendersi conto di cosa si sta vedendo. Ovvio? Mica tanto: quanti fedeli delle nostre parrocchie riescono a cogliere il messaggio (la testimonianza) di fede che giunge loro dalle opere d’arte e dalla struttura architettonica stessa della chiesa nella quale sono abituati a entrare per pregare o partecipare alla Messa?

Sono i mezzi con i quali i nostri antenati cercavano di comunicare la loro fede, a se stessi e ai posteri; e per farlo incaricavano gli artisti più quotati e più capaci. Oggi, a distanza di qualche secolo, raramente chi le osserva va oltre l’ammirazione per le doti artistiche… e il messaggio di fede rimane muto sulla tela o nel marmo.

È sulla base di queste considerazioni che è cominciato due anni fa un percorso promosso dalle parrocchie della Comunità Marciana. Certamente, non si tratta di una novità assoluta: altre esperienze sono state realizzate nel passato a Venezia o sono in corso.

Ma questa ha un destinatario privilegiato: gli stessi fedeli che in quelle chiese si ritrovano tutte le domeniche per la Messa, per invitarli – appunto – a uno “sguardo” più aperto e disponibile ad “ascoltare” il messaggio.

Il primo appuntamento, nell’aprile dell’anno scorso, ha permesso di scoprire due opere cariche di una straordinaria ricchezza teologica: l’Altare Maggiore e la Lavanda dei piedi di Tintoretto presenti nella chiesa di S. Moisè. Poi il percorso si è dipanato attraverso altre tappe: la struttura della chiesa di S. Stefano e le testimonianze della comunità degli Eremiti Agostiniani che l’hanno abitata per secoli; il ciclo di opere sull’infanzia di Cristo (sempre nella chiesa di S. Stefano); l’Annunciazione e la Trasfigurazione di Tiziano nella chiesa di S. Salvador.

Il prossimo appuntamento è dedicato a un itinerario su Maria, Madre di Dio e Madre nostra, percorrendo di nuovo le navate della chiesa di S. Stefano.

Un altro aspetto è degno di nota: a fare da guida ai fedeli in questi percorsi sono state (salvo un caso) una docente e alcune diplomate dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose “S. Lorenzo Giustiniani”, che hanno voluto così spendere a favore della Chiesa di Venezia la competenza acquisita nel loro percorso di studi.

La risposta è stata lusinghiera e suggerisce di proseguire. Un esperimento, quindi, che ha dato un ottimo risultato.

Marco Da Ponte

Categorie: Notizie

Mangiare e non sprecare: incontro con Lara Gilmore, lunedì 28, alla Collezione Guggenheim di Venezia

Gente Veneta - Mer, 23/05/2018 - 22:09

Lunedì 28 maggio dalle 19 alle 21 Lara Gilmore racconterà la sua storia nel giardino della Collezione Guggenheim. Lara Gilmore è presidente di “Food for Soul”, organizzazione no-profit fondata con il marito Massimo Bottura, uno dei più celebri chef, per combattere lo spreco alimentare e l’isolamento sociale.

“Food for Soul” nasce dall’esperienza di successo del Refettorio Ambrosiano, istituito nel 2015 insieme a Caritas Ambrosiana, in occasione di Expo Milano. Per questa occasione, un vecchio teatro abbandonato nel quartiere Greco è stato trasformato in una mensa comunitaria in cui chef di tutto il mondo hanno trasformato le eccedenze alimentari dell’Expo in pasti nutrienti per i bisognosi. Dopo la sede milanese, il Refettorio ha successivamente aperto anche a Rio de Janeiro, Londra e Parigi, e tutte le mense sono attualmente operative.

Seguendo la mission del museo, ovvero educare il suo pubblico e sensibilizzarlo a temi attuali come l’istruzione di qualità, l’inclusione sociale, la parità di genere e il rispetto del patrimonio culturale e dell’ambiente, fil rouge di questi racconti “StraOrdinari” sono i 17 Obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite. Per questa nuova iniziativa, la Collezione Peggy Guggenheim è lieta di poter collaborare con ASviS, l’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile che si occupa di promuovere i 17 Obiettivi, che vanno dallo sconfiggere povertà e fame, al raggiungimento della parità di genere, dalla lotta al cambiamento climatico alla riduzione delle disuguaglianze. Grazie a questa collaborazione durante le serate il pubblico può approfondire i 17 Obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile attraverso percorsi creati ad hoc, seguendo una mappa che lega una selezione delle opere in collezione ai contenuti degli obiettivi.

Il biglietto d’ingresso al museo, nell’occasione, è di 15 euro, acquistabile esclusivamente online sul sito del museo a partire dal martedì precedente ciascun appuntamento. Corsia d’accesso preferenziale per i possessori di Young Pass, la membership Guggenheim per gli under 26. Ogni biglietto include due consumazioni, per i maggiori di 18 anni. In caso di pioggia l’evento verrà cancellato e il prezzo del biglietto rimborsato.

Categorie: Notizie

Villa Salus, disagi per il cambio di sistema informatico: «Una settimana e tutto a posto. È per potenziare il servizio»

Gente Veneta - Mer, 23/05/2018 - 11:13

È come quando c’è un cantiere in casa: i disagi ci sono. Ma tempo una settimana finiranno. Lo sottolinea Mario Bassano, direttore vicario dell’ospedale Villa Salus di Mestre.

In questi giorni, infatti, persistono le attese e i tempi lunghi alla segreteria dell’ospedale sul Terraglio, e anche la centrale telefonica per le prenotazioni funziona in modo non ottimale.

«Dipende dal fatto – spiega Bassano – che stiamo cambiando le procedure informatiche di prenotazione e refertazione, così da migliorare la qualità del servizio. Stiamo realizzando il potenziamento del Cup, il Centro unico di prenotazione, visto l’aumento di richieste».

Questo comporta dei disagi, ovviamente, «legati al fatto – prosegue Mario Bassano – che abbiamo dovuto travasare le procedure e i dati precedenti nel nuovo sistema. E l’abbiamo fatto senza contemporaneamente chiudere le prenotazioni, né telefoniche né allo sportello. Ci scusiamo degli inconvenienti, certo, ma stiamo agendo nell’interesse dell’utente e per rispondere meglio all’aumentata richiesta di servizi».

Categorie: Notizie

È morto Angelo Lovisetto, per decenni un pilastro della comunità cristiana alla Gazzera

Gente Veneta - Mar, 22/05/2018 - 12:46

È mancato nella sua abitazione, nella serata di lunedì 21 maggio, Angelo Lovisetto. Aveva 85 anni, gli 86 li avrebbe compiuti il 2 agosto. Da tempo la malattia lo aveva costretto a chiudersi e a rimanere assente da una vita che ha sempre invece vissuto con intensità e passione.

«È stato un grande uomo. Un uomo semplice, discreto, riservato, saggio e prudente sempre, grande e attivo collaboratore della comunità cristiana»: così lo ricorda mons. Luigi Stecca, per tanti anni parroco di Santa Maria Ausiliatrice alla Gazzera, la parrocchia nella quale Angelo Lovisetto viveva e in cui ha trascorso tanti anni della sua vita, fino alla morte.

Lovisetto è stato per un lunghissimo periodo uno dei più preziosi ed efficaci collaboratori di diffusione di Gente Veneta. La grande diffusione del settimanale diocesano alla Gazzera si deve alla suo giudizio convinto sulla bontà del giornale e alla sua azione continua, in rapporto con i singoli parrocchiani e le famiglie.

(Un più ampio ricordo di Angelo Lovisetto comparirà di Gente Veneta, in diffusione da giovedì 24 maggio).

Categorie: Notizie

Croce Verde di Marcon, 30 anni di generosità e impegno: una festa in piazza

Gente Veneta - Mar, 22/05/2018 - 11:27

Domenica 20 maggio si è svolta in piazza Mercato la festa per il 30 anni di attività della Croce Verde Marcon.

Una manifestazione all’insegna del bel tempo e della partecipazione. In un sol colpo si sono trovati riuniti Volontari Anpas Croce Verde Cavallino-Treporti, Vigili del Fuoco 115 Junior, Protezione civile Marcon “Airone” e PC Quarto D’Altino, Croce Rossa Italiana e l’associazione Cinofili UCS “San Marco”. Il tutto si è svolto regolarmente grazie anche alla partecipazione della Polizia Locale e dei Carabinieri della caserma di Marcon.

Nel suo messaggio di apertura il presidente Luigi Allocca ha ricordato la passione che spinge i volontari dell’associazione tanto da aver consentito di raggiungere questo traguardo.

A seguire è intervenuto, per conto del direttore generale dall’ASL 3 Serenissima, il dott. Tessarin che ha ringraziato per l’opera dell’associazione. Il parroco di Gaggio, don Silvano, ha sottolineato la fortuna di avere un servizio come quello svolto dall’associazione oltre a ricordare tutti i volontari CVM deceduti e Mirko Guerra, vigile del fuoco, scomparso di recente.

Il Sindaco di Marcon ha condiviso l’evento in vari momenti della giornata, apprezzando lo spirito familiare che si respirava. E ha voluto appuntare sulla divisa di tutti i volontari di Croce Verde presenti una spilla con l’emblema del Comune.

Le famiglie che hanno fatto visita e che hanno partecipato ai giochi con i loro figli hanno tutte ricevuto un simpatico ricordo; ai ragazzi che si sono maggiormente distinti nei giochi, Fabiano Ballarin, ex giocatore del Venezia e Chievo Verona, ha consegnato un ulteriore premio.

Molto successo ha ottenuto il carro-scala dei Vigili del Fuoco, che nel pomeriggio ha fatto salire i bambini a più di 30 metri d’altezza.

A conclusione della festa, molto apprezzati dai presenti, si sono esibiti i cabarettisti Gianni Bellino e Salvatore Esposito, il balletto di Silvia Raja-Mosaikoriente e i gruppi musicali Sittoff, gli FDM Ska-Cahos e The Mods.

Categorie: Notizie

Pagine