Aggregatore di feed

West Nile, da martedì 4 settembre la disinfestazione straordinaria in Veneto. Per ora non riguarda la Ulss 3

Gente Veneta - Ven, 31/08/2018 - 17:39

Una disinfestazione straordinaria per abbattere sia le larve che gli adulti di zanzara. Un trattamento che interesserà i tombini stradali e i fossati, in particolare quelli situati nelle vicinanze di abitazioni e aree residenziali; ma anche i parchi pubblici, le scuole, le aree attrezzate…

Sono queste le azioni decise dalla Regione Veneto per dare vita al piano straordinario di disinfestazione contro gli insetti che trasmettono il virus della febbre del Nilo.

L’attuazione concreta è prevista a partire da martedì prossimo, a condizione che sia preceduta da un giorno senza precipitazioni meteorologiche. In caso contrario il “via” slitterà a seconda delle condizioni più o meno favorevoli del tempo.

Il Piano riguarderà dapprima le aree più interessate, cioè i territori corrispondenti alle Ullss 5 Polesana, 6 Euganea e 9 Scaligera, per poi estendersi in una seconda fase dove il fenomeno si è rivelato più lieve.

Il Piano specifica che devono comunque continuare le azioni di informazione alla popolazione per la protezione individuale e per l’adozione di comportamenti che non comportino la proliferazione di focolai larvali. Inoltre, il Sindaco potrà attuare controlli a campione, anche “porta a porta”, con il sanzionamento dei comportamenti scorretti. E’ ritenuto importante anche il controllo dei territori in termini di manutenzione dei fossati, verde pubblico, raccolta di acque stagnanti.

Categorie: Notizie

Cacciari: «Con la deriva populista la democrazia finisce. Bisogna rifondare la rappresentanza e i corpi intermedi»

Gente Veneta - Ven, 31/08/2018 - 17:12

«Con quest’andazzo la democrazia finisce. È una deriva reale. Non sta parlando a vanvera Grillo. Continuando così, si finirà con Putin in Italia o con la farsa di individui, probabilmente soddisfattissimi, che crederanno di aver deciso qualcosa schiacciando il bottoncino del loro computer alle domande formulate da Casaleggio: “Il ponte lo volete abbattere o restaurare?”. Salvo non sapere che tutto dipende da chi formula le domande e da chi legge le risposte, perché tu che hai schiacciato il bottoncino non sai quante risposte siano arrivate, da chi siano inviate, come siano state selezionate… Ti fidi del capo. È questo il futuro che vogliamo?».

Massimo Cacciari riflette sulla crisi della democrazia. Lo fa presentando, con Nicola Pellicani e Massimo Donà, il Festival della Politica 2018, che si terrà a Mestre dal 6 al 9 settembre, con un’anteprima mercoledì 5.

La manifestazione, giunta all’ottava edizione, è organizzata con il Comune di Venezia e in collaborazione con la Fondazione di Venezia. Gli incontri ruoteranno in prevalenza attorno al tema “Democrazia e populismi”. Nel sito della Fondazione Pellicani il programma completo della manifestazione.

Gli incontri – quasi una trentina – si svolgeranno tra piazza Ferretto, piazzetta Pellicani, piazzetta Battisti, l’arena del Toniolo e il chiostro dell’M9, ad anticipare il prossimo avvio della grande area museale ed espositiva.

Nel prossimo numero di Gente Veneta una più ampia intervista a Massimo Cacciari.

Categorie: Notizie

San Giuseppe di Mestre, al via da mercoledì 5 percorso formativo in vista del Sinodo sui giovani

Gente Veneta - Ven, 31/08/2018 - 09:30

Prenderà il via mercoledì 5 settembre, nel patronato della parrocchia di San Giuseppe, in viale San Marco, un percorso formativo in vista del prossimo Sinodo sui giovani.

L’iniziativa è della collaborazione pastorale formata dalle parrocchie di San Giuseppe, Corpus Domini e San Marco Evangelista.

Si tratterà di quattro incontri, per quattro mercoledì successivi (sempre a partire dalle ore 21) che si serviranno dell’Instrumentum laboris predisposto per l’assise dei vescovi come traccia di approfondimento.

Leggere, conoscere, interpretare e scegliere: questi i quattro verbi e le quattro azioni che caratterizzeranno gli incontri del percorso. Gli interventi introduttivi sono affidati a don Natalino Bonazza, don Fausto Bonini, don Gilberto Sabbadin e don Francesco Marchesi. Ogni serata, dopo la relazione introduttiva, prevede la formazione di gruppi di lavoro e un tempo di condivisione.

Il percorso è pensato per giovani dai 18 anni e per tutti coloro che svolgono un servizio pastorale nelle comunità, a partire da catechisti ed educatori. Il percorso è aperto aldilà della collaborazione pastorale, a tutti gli educatori delle altre comunità mestrine interessati a partecipare.

Categorie: Notizie

Lido di Venezia, domenica 2 l’orchestra da camera del Kazakhstan in concerto a S. Maria Elisabetta

Gente Veneta - Gio, 30/08/2018 - 17:53

Dalla Repubblica del Kazakhstan arriva domenica 2 settembre, alle ore 18, nella chiesa di Santa Maria Elisabetta del Lido, per la prima volta a Venezia, la Academy of Soloists, l’orchestra da camera nazionale fondata dalla violinista Aiman Mussakhodzayeva, Artista del Popolo della Repubblica del Kazakhstan e ambasciatrice di Pace dell’Unesco, erede della scuola di David Oistrakh.

L’appuntamento veneziano del tour internazionale è dedicato a musiche di Vivaldi, Schubert e Mozart e comprende, inoltre, l’esecuzione della Mussakhajayeva, con il suo violino Stradivari, di Gypsy Airs di Sarasate.

La voce di controtenore è di Bathirzhan Smakov formatosi in Italia, diplomato presso l’Accademia d’arte lirica di Osimo e al Conservatorio G. Rossini di Pesaro. Il suo repertorio spazia dal repertorio barocco al romanticismo fino alla musica contemporanea. Dirige Bakhytzhan Mussakhojayeva. L’ingresso è libero.

Categorie: Notizie

Mestre: scrittori locali e il mito dell’America. Tanti eventi a cura della Rete Biblioteche

Gente Veneta - Gio, 30/08/2018 - 17:04

Riparte l’attività culturale del servizio Rete Biblioteche del Comune di Venezia. Il cartellone della stagione 2018/19 è stato presentato questa mattina, alla Biblioteca civica di Mestre, dall’assessore comunale alla Politiche giovanili, Simone Venturini, dalla presidente della VI Commissione consiliare Cultura, Giorgia Pea, dal dirigente del Settore Cultura, Michele Casarin, e dalla responsabile del Servizio Vez e Rete Biblioteche Venezia, Barbara Vanin.

Il primo appuntamento in scaletta sarà, dall’11 settembre, “Vez America”, una sorta di viaggio, in 30 puntate, con incontri, film, mostre fotografiche, laboratori, alla scoperta del “mito americano”: dal cinema (con i suoi divi ed i suoi supereroi) alla musica (spaziando dal jazz al rock), dalla letteratura al cibo.

Il 13 settembre prenderà invece il via la rassegna “Autori e autrici a km 0”: 12 incontri con altrettanti scrittori locali, che presenteranno i loro ultimi libri. Da non perdere inoltre l’appuntamento con “Vinile leggendario” un omaggio al vecchio disco a 33 e 45 giri, che prevede tre appuntamenti, il primo dei quali è fissato per il 18 settembre, nel giardino della biblioteca Vez, con “Storia di un’epoca: il libro della musica tra ricordi ed esperienze”. Dal 18 al 22 settembre, in contemporanea agli eventi, si terrà anche una vendita a prezzi di occasione di circa 2000 vinili di proprietà dell’Amministrazione comunale.

Altro appuntamento, per cui si dovrà attendere il mese di novembre, è l’ormai tradizionale “Festival Mesthriller”, quest’anno previsto in 6 incontri.

Categorie: Notizie

Aeroporto Marco Polo, dal 1° settembre al via i lavori per rifare le due piste. Lavori per 135 milioni

Gente Veneta - Gio, 30/08/2018 - 14:48

Prenderanno il via il 1° settembre, secondo il piano di sviluppo infrastrutturale dell’aeroporto di Venezia previsto dal Master Plan 2012 – 2021, i lavori di riqualificazione e adeguamento delle infrastrutture di volo.

Si tratta di un intervento di grande rilievo per il Marco Polo, che interessa sia la pista di volo principale che quella secondaria, finalizzato al previsto incremento della capacità operativa.

L’intervento ha il costo complessivo di 135 milioni di euro, 30 dei quali per nuove pavimentazioni di volo compreso l’allungamento della pista secondaria ed i restanti 105 per opere di manutenzione straordinaria e prevede la completa riqualifica di entrambe le piste, comprendendo:

la realizzazione di nuove pavimentazioni; l’adeguamento delle aree di sicurezza a servizio delle testate; l’adeguamento delle opere idrauliche per lo smaltimento delle acque meteoriche; la riconfigurazione delle vie di rullaggio degli aeromobili a terra ed in particolare la realizzazione di nuovi raccordi di uscita rapida per la pista principale, per aumentarne ulteriormente le relative potenzialità in termini di capacità operativa.

La pista secondaria, attualmente di 2780 metri, sarà allungata fino a 3300 metri (al pari della pista principale) per consentire un agevole accesso ed uscita degli aeromobili dalla pista principale.

Verranno inoltre adeguate le dotazioni impiantistiche ed incrementate le dotazioni di sicurezza di entrambe le piste, in particolare per quanto riguarda gli Aiuti visivi luminosi ed i sistemi di protezione/rilevazione delle incursioni non autorizzate in pista, al fine di poter gestire il previsto incremento del traffico aereo con aumentati standard di sicurezza, in particolare in condizioni di bassa visibilità.

Il termine dei lavori, aggiudicati con gara all’Associazione Temporanea di Imprese ICM S.p.A. e Itinera S.p.A., è previsto a settembre 2020.

La specificità dell’intervento consiste nel fatto che verrà eseguito senza interruzione dell’operatività dell’aeroporto. La sequenza delle opere è infatti suddivisa in 7 fasi di lavoro distribuite temporalmente e in successione così da permettere in alcune fasi, sulla base di un’attenta programmazione, l’utilizzo alternato della pista principale e di quella secondaria.

L’opera, il cui costo complessivo è di 135 milioni di euro, rientra nel Master Plan 2012-2021, che prevede investimenti complessivi pari a 850 milioni di euro, 430 dei quali ad oggi già realizzati principalmente per la nuova darsena e il moving walkway di collegamento con l’aerostazione, per le nuove caserme di Vigili del Fuoco e Guardia di Finanza e per il primo ampliamento del terminal passeggeri.

Categorie: Notizie

Venezia, in settembre sei giornate da bollino nero. Le misure previste in caso di città intasata

Gente Veneta - Mer, 29/08/2018 - 17:27

Sei giornate da “bollino nero”. Le ha individuate il Comune di Venezia nel mese di settembre in previsione di una possibile affluenza straordinaria di visitatori per assistere alla Regata Storica e agli eventi della Mostra del Cinema. E senza contare i turisti provenienti dalle località balneari del litorale.

Le giornate da bollino nero sono 1 e 2, 8 e 9, 15 e 16 settembre.

In questi giorni la polizia locale, in caso di necessità e di pericolo per la pubblica incolumità, potrà disporre deviazioni alla viabilità pedonale, inibire temporaneamente il transito ai non residenti e istituire sensi unici facendo transennare le eventuali aree interdette.

La circolazione veicolare sul Ponte della Libertà, se necessario, potrebbe essere limitata ai soli veicoli di conducenti abbonati alle autorimesse di Piazzale Roma e Tronchetto, ai taxi, ai veicoli dei noleggiatori nonché agli autobus di linea e non, oltre che, ovviamente, ai veicoli delle forze di polizia, del soccorso pubblico e dei servizi pubblici.

Nelle giornate indicate sarà istituito il divieto di sbarco agli abituali approdi di Riva degli Schiavoni (di fronte alla caserma Cornoldi) per i lancioni gran turismo provenienti dai Comuni di Cavallino-Treporti, Jesolo, Caorle, Musile di Piave e Quarto d’Altino, con deviazione agli approdi appositamente allestiti alle Fondamente Nuove.

L’inosservanza delle disposizioni indicate nell’ordinanza sarà punita con sanzione amministrativa da 25 a 500 euro. Il Comune di Venezia, in base alle notizie che saranno fornite dalla Polizia locale, aggiornerà costantemente gli utenti in merito alle possibili deviazioni di percorso e ogni altra misura resasi necessaria attraverso i propri profili Facebook e Twitter e i siti istituzionali.

Categorie: Notizie

Venezia, inaugurato il restauro del ponte dell’Accademia

Gente Veneta - Mer, 29/08/2018 - 17:15

Quindici uomini al giorno impegnati ininterrottamente per sette mesi hanno realizzato nei tempi previsti – garantendo l’organizzazione della Regata Storica 2018 – il restauro del Ponte dell’Accademia. L’inaugurazione è avvenuta questa mattina, dopo che, nel corso della notte, sono terminati i lavori di smantellamento dell’impalcatura.

Alla cerimonia del taglio del nastro, officiata dal delegato patriarcale monsignor Orlando Barbaro, hanno preso parte il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, il prefetto di Venezia, Vittorio Zappalorto, il vicepresidente e il direttore alle Risorse umane di Luxottica Group, Luigi Francavilla e Piergiorgio Angeli, l’amministratore delegato dell’impresa edile Salmistrari, Giovanni Salmistrari, nonché il direttore comunale ai Lavori pubblici, Simone Agrondi, davanti ai rappresentanti delle autorità civili e militari e di numerosi cittadini e visitatori. Erano presenti inoltre la vicesindaco Luciana Colle e gli assessori Paola Mar, Michele Zuin, Giorgio D’Este, Paolo Romor, Renato Boraso, i consiglieri delegati Giovanni Giusto e Paolo D’Anna e alcuni consiglieri comunali.

“L’aspetto fondamentale di questo cantiere – ha spiegato Agrondi – è stato come siamo intervenuti: l’innovazione più importante è stata quella di aver garantito, durante tutto il restauro, il passaggio dei pedoni e delle merci sopra e il transito dei mezzi d’acqua sotto il ponte, con un’impalcatura pensata ad hoc dall’impresa, che ha permesso contemporaneamente che i lavori venissero eseguiti in sicurezza”. Dopo aver ringraziato gli enti terzi che hanno contribuito alla buona uscita del progetto, tra cui il collaudatore, la Soprintendenza e gli enti dei sottoservizi, Agrondi ha infine sottolineato che almeno per i prossimi 10 anni non sono previsti interventi di manutenzione straordinaria, proprio per gli accorgimenti tecnici con cui è stato eseguito il restauro, e ha assicurato invece che il Comune si occuperà di una puntuale manutenzione ordinaria.

Categorie: Notizie

Pagine